Home » Arti Marziali

Arti Marziali

Atleta

Class.

Categoria

Anno

Luogo

Competizione

Elio Volpi

1° Kyu

1951

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

OpenM

1954

Bruxelles (BEL)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

O80

1957

Rotterdam (NED)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

OpenM

1959

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Romano Polverani

1° Dan

1959

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

3° Dan

1960

Amsterdam (NED)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

O80

1960

Amsterdam (NED)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

OpenM

1960

Amsterdam (NED)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

4° Dan

1961

Milano (ITA)

Campionati Europei

Luigi Fiocchi

U68

1961

Milano (ITA)

Campionati Europei

Remo Venturelli

2° Dan

1962

Essen (GER)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

4° Dan

1962

Essen (GER)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

OpenM

1963

Ginevra (SUI)

Campionati Europei

Bruno Carmeni

U68

1963

Ginevra (SUI)

Campionati Europei

Nicola Tempesta

O80

1964

Tokyo (JPN)

Olimpiadi

Andrea Veronese

U63

1969

Mexico City (MEX)

Campionati Mondiali

Franco Novasconi

U70

1973

Madrid (SPA)

Campionati Europei

Emilia Davico

U48

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U66

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

Antonietta Pardi

U48

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

P. Bandini

U66

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

Giovanna Parenti

O72

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

Margherita De Cal

O72

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

Margherita De Cal

OpenW

1974

Genova (ITA)

Campionati Europei

Felice Mariani

U63

1975

Vienna (AUT)

Campionati Mondiali

Mario Daminelli

OpenM

1975

Vienna (AUT)

Campionati Mondiali

Margherita De Cal

O72

1975

Monaco (GER)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U66

1975

Monaco (GER)

Campionati Europei

Laura Di Toma

OpenW

1975

Monaco (GER)

Campionati Europei

Felice Mariani

U63

1976

Montreal (CAN)

Olimpiadi

Laura Di Toma

OpenW

1976

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Emilia Davico

U48

1976

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U66

1976

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Giovanna Parenti

O72

1976

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Margherita De Cal

O72

1976

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Maria Vittoria Fontana

U52

1977

Arlon (BEL)

Campionati Europei

Emilia Davico

U48

1977

Arlon (BEL)

Campionati Europei

Felice Mariani

U60

1978

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Elisabetta Ricciato

U56

1978

Colonia (GER)

Campionati Europei

Gloria Monti

U61

1978

Colonia (GER)

Campionati Europei

Giovanna Parenti

O72

1978

Colonia (GER)

Campionati Europei

Sandro Rosati

U65

1978

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1979

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Felice Mariani

U60

1979

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Mario Vecchi

U86

1979

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Marino Beccacece

O95

1979

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Felice Mariani

U60

1979

Bruxelles (BEL)

Campionati Europei

Elisabetta Ricciato

U56

1979

Kerkrade (NED)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1979

Bruxelles (BEL)

Campionati Europei

Margherita De Cal

O72

1979

Kerkrade (NED)

Campionati Europei

Paola Napolitano

U48

1979

Kerkrade (NED)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U61

1979

Kerkrade (NED)

Campionati Europei

Giovanna Parenti

OpenW

1979

Kerkrade (NED)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1980

Moscow (RUS)

Olimpiadi

Margherita De Cal

O72

1980

New York (USA)

Campionati Mondiali

Anna De Novellis

U48

1980

New York (USA)

Campionati Mondiali

Laura Di Toma

U61

1980

New York (USA)

Campionati Mondiali

Cristina Fiorentini

U72

1980

New York (USA)

Campionati Mondiali

Patricia Montaguti

U52

1980

Udine (ITA)

Campionati Europei

Felice Mariani

U60

1980

Vienna (AUT)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U61

1980

Udine (ITA)

Campionati Europei

Margherita De Cal

O72

1980

Udine (ITA)

Campionati Europei

Paola Napolitano

U48

1980

Udine (ITA)

Campionati Europei

Nadia Amerighi

U66

1980

Udine (ITA)

Campionati Europei

Giovanna Parenti

OpenW

1980

Udine (ITA)

Campionati Europei

Felice Mariani

U60

1981

Maastricht (NED)

Campionati Mondiali

Nicola Fetto

U71

1981

Maastricht (NED)

Campionati Mondiali

Margherita De Cal

O72

1981

Madrid (SPA)

Campionati Europei

Anna De Novellis

U48

1981

Madrid (SPA)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U61

1981

Madrid (SPA)

Campionati Europei

Laura Zimbaro

U56

1981

Madrid (SPA)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

OpenW

1981

Madrid (SPA)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1982

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Patricia Montaguti

U52

1982

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Ezio Gamba

U71

1982

Rostock (GER)

Campionati Europei

Anna De Novellis

U48

1982

Oslo (NOR)

Campionati Europei

Mario Vecchi

U86

1982

Rostock (GER)

Campionati Europei

Margherita De Cal

O72

1982

Oslo (NOR)

Campionati Europei

Patricia Montaguti

U52

1982

Oslo (NOR)

Campionati Europei

Sandro Rosati

U65

1982

Rostock (GER)

Campionati Europei

Daniela Guernini

U66

1982

Oslo (NOR)

Campionati Europei

Cristina Fiorentini

U72

1982

Oslo (NOR)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

OpenW

1982

Oslo (NOR)

Campionati Europei

Marino Beccacece

OpenM

1982

Rostock (GER)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1983

Mosca (RUS)

Campionati Mondiali

Sandro Rosati

U65

1983

Mosca (RUS)

Campionati Mondiali

Laura Di Toma

U66

1983

Genova (ITA)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1983

Genova (ITA)

Campionati Europei

Anna-Maria Valvano

U48

1983

Genova (ITA)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1983

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

OpenW

1983

Genova (ITA)

Campionati Europei

Patricia Montaguti

U52

1983

Genova (ITA)

Campionati Europei

Mario Vecchi

U86

1983

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Cristina Fiorentini

U72

1983

Genova (ITA)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1984

Los Angeles (USA)

Olimpiadi

Felice Mariani

U60

1984

Los Angeles (USA)

Olimpiadi

Sandro Rosati

U65

1984

Los Angeles (USA)

Olimpiadi

Yuri Fazi

U95

1984

Los Angeles (USA)

Olimpiadi

Maria Teresa Motta

O72

1984

Vienna (AUT)

Campionati Mondiali

Domenica Soraci

U56

1984

Vienna (AUT)

Campionati Mondiali

Laura Di Toma

U61

1984

Vienna (AUT)

Campionati Mondiali

Anna-Maria Valvano

U48

1984

Vienna (AUT)

Campionati Mondiali

Patricia Montaguti

U52

1984

Pirmasens (GER)

Campionati Europei

Felice Mariani

U60

1984

Liege (BEL)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

OpenW

1984

Pirmasens (GER)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U61

1984

Pirmasens (GER)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1984

Pirmasens (GER)

Campionati Europei

Mario Vecchi

U86

1984

Liege (BEL)

Campionati Europei

Nicola Fetto

U71

1984

Liege (BEL)

Campionati Europei

Marino Beccacece

OpenM

1984

Liege (BEL)

Campionati Europei

Sandro Rosati

U65

1985

Seoul (KOR)

Campionati Mondiali

Giorgio Vismara

U78

1985

Seoul (KOR)

Campionati Mondiali

Maria Teresa Motta

O72

1985

Landskrona (SWE)

Campionati Europei

Patricia Montaguti

U52

1985

Landskrona (SWE)

Campionati Europei

Domenica Soraci

U56

1985

Landskrona (SWE)

Campionati Europei

Laura Di Toma

U61

1985

Landskrona (SWE)

Campionati Europei

Domenica Soraci

U56

1986

Maastricht (NED)

Campionati Mondiali

Laura Di Toma

U61

1986

Maastricht (NED)

Campionati Mondiali

Annalisa Colauti

OpenW

1986

Maastricht (NED)

Campionati Mondiali

Domenica Soraci

U56

1986

Londra (GBR)

Campionati Europei

Cristina Fiorentini

U66

1986

Londra (GBR)

Campionati Europei

Ezio Gamba

U71

1986

Belgrado (YUG)

Campionati Europei

Anna-Maria Valvano

U48

1986

Londra (GBR)

Campionati Europei

Marino Cattedra

U60

1986

Belgrado (YUG)

Campionati Europei

Tiziana Baranello

U61

1986

Londra (GBR)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1986

Londra (GBR)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

OpenW

1986

Londra (GBR)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1987

Essen (GER)

Campionati Mondiali

Maria Teresa Motta

O72

1987

Essen (GER)

Campionati Mondiali

Domenica Soraci

U56

1987

Essen (GER)

Campionati Mondiali

Annamaria Colagrossi

U72

1987

Essen (GER)

Campionati Mondiali

Alessandra Giungi

U52

1987

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Annamaria Colagrossi

U72

1987

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Marino Cattedra

UU60

1987

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1987

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Giorgio Vismara

U78

1987

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1988

Seoul (KOR)

Olimpiadi

Yuri Fazi

U95

1988

Seoul (KOR)

Olimpiadi

Maria Teresa Motta

O72

1988

Seoul (KOR)

Olimpiadi

Alessandra Giungi

U52

1988

Pamplona (SPA)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1988

Pamplona (SPA)

Campionati Europei

Massimo Sulli

U71

1988

Pamplona (SPA)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1989

Belgrado (YUG)

Campionati Mondiali

Alessandra Giungi

U52

1989

Belgrado (YUG)

Campionati Mondiali

Stefano Venturelli

O95

1989

Belgrado (YUG)

Campionati Mondiali

Alessandro Geri

OpenM

1989

Belgrado (YUG)

Campionati Mondiali

Emanuela Pierantozzi

U66

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Giorgio Vismara

U86

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Giovanna Tortora

U48

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Domenica Soraci

U56

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Monica Barbieri

U61

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Erica Baroncini

U72

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Manuela Tondolo

OpenW

1989

Helsinki (FIN)

Campionati Europei

Giovanna Tortora

U48

1990

Francoforte (GER)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1990

Francoforte (GER)

Campionati Europei

Giorgio Vismara

U86

1990

Francoforte (GER)

Campionati Europei

Manuela Tondolo

OpenW

1990

Francoforte (GER)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1991

Barcellona (SPA)

Campionati Mondiali

Emanuela Pierantozzi

U66

1991

Barcellona (SPA)

Campionati Mondiali

Giorgio Vismara

U86

1991

Barcellona (SPA)

Campionati Mondiali

Massimo Sulli

U71

1991

Barcellona (SPA)

Campionati Mondiali

Giorgio Vismara

U86

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Giovanna Tortora

U48

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Marino Cattedra

U60

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Stefano Venturelli

OpenM

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Laura Zimbaro

U56

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Alessandro Pilati

U78

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Stefano Venturelli

O95

1991

Praga (CZE)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1992

Barcellona (SPA)

Olimpiadi

Alessandra Giungi

U52

1992

Barcellona (SPA)

Olimpiadi

Emanuela Pierantozzi

U66

1992

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Giovanni Tortora

U48

1992

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1992

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Giorgio Vismara

U86

1992

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Luigi Guido

U95

1992

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Maria Teresa Motta

O72

1992

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Giovanna Tortora

U48

1993

Hamilton (CAN)

Campionati Mondiali

Alessandra Giungi

U52

1993

Hamilton (CAN)

Campionati Mondiali

Diego Brambilla

U71

1993

Hamilton (CAN)

Campionati Mondiali

Alessandra Giungi

U52

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Diego Brambilla

U71

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Luigi Guido

U95

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Donata Burgatta

O72

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Sonia Tognoloni

U56

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Barbara Muzzioli

U61

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Donata Burgatta

OpenW

1993

Atene (GRE)

Campionati Europei

Girolamo Giovinazzo

U60

1994

Gdansk (POL)

Campionati Europei

Alessandra Giungi

U52

1994

Gdansk (POL)

Campionati Europei

Giorgina Zanette

U48

1994

Gdansk (POL)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U72

1994

Gdansk (POL)

Campionati Europei

Donata Burgatta

O72

1994

Gdansk (POL)

Campionati Europei

Dario Romano

U78

1994

Gdansk (POL)

Campionati Europei

Diego Brambilla

U71

1995

Chiba (JPN)

Campionati Mondiali

Francesco Giorgi

U65

1995

Chiba (JPN)

Campionati Mondiali

Donata Burgatta

O72

1995

Chiba (JPN)

Campionati Mondiali

Alessandra Giungi

U52

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Girolamo Giovinazzo

U60

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Giovanna Tortora

U48

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U72

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Donata Burgatta

O72

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Donata Burgatta

OpenW

1995

Birmingham (GBR)

Campionati Europei

Girolamo Giovinazzo

U60

1996

Atlanta (USA)

Olimpiadi

Ylenia Scapin

U72

1996

Atlanta (USA)

Olimpiadi

Alessandra Giungi

U52

1996

The Hague (NED)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1996

The Hague (NED)

Campionati Europei

Donata Burgatta

OpenW

1996

The Hague (NED)

Campionati Europei

Giovanna Tortora

U48

1996

The Hague (NED)

Campionati Europei

Girolamo Giovinazzo

U60

1996

The Hague (NED)

Campionati Europei

Francesca Campanini

U56

1996

The Hague (NED)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1997

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Michele Monti

U86

1997

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Ylenia Scapin

U72

1997

Parigi (FRA)

Campionati Mondiali

Girolamo Giovinazzo

U60

1997

Oostende (BEL)

Campionati Europei

Maddalena Sorrentino

U61

1997

Oostende (BEL)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U66

1997

Oostende (BEL)

Campionati Europei

Giuseppina Macrì

U52

1997

Oostende (BEL)

Campionati Europei

Federico Cainero

U71

1997

Oostende (BEL)

Campionati Europei

Luigi Guido

U95

1997

Oostende (BEL)

Campionati Europei

Giuseppe Maddaloni

U73

1998

Oviedo (SPA)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U70

1998

Oviedo (SPA)

Campionati Europei

Jenny Gal

U63

1998

Oviedo (SPA)

Campionati Europei

Giorgina Zanette

U48

1998

Oviedo (SPA)

Campionati Europei

Lucia Morico

U78

1998

Oviedo (SPA)

Campionati Europei

Luigi Guido

U100

1998

Oviedo (SPA)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U70

1999

Birmingham (GBR)

Campionati Mondiali

Giuseppe Maddaloni

U73

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Jenny Gal

U63

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Girolamo Giovinazzo

U66

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U70

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Cinzia Cavazzuti

U57

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Clementina Papa

OpenW

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Giuseppina Macrì

U48

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Clementina Papa

O78

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Lucia Morico

U78

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Luigi Guido

U100

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Lamberto Raffi

U90

1999

Bratislava (SVK)

Campionati Europei

Giuseppe Maddaloni

U73

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Girolamo Giovinazzo

U66

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Ylenia Scapin

U70

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Emanuela Pierantozzi

U78

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Cinzia Cavazzuti

U57

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Jenny Gal

U63

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Luigi Guido

U100

2000

Sydney (AUS)

Olimpiadi

Lucia Morico

OpenW

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Girolamo Giovinazzo

U66

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U70

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Antonia Cuomo

U52

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Jenny Gal

U63

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Emanuela Pierantozzi

U78

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Luigi Guido

U100

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Cinzia Cavazzuti

U57

2000

Wroclaw (POL)

Campionati Europei

Giuseppina Macrì

U48

2001

Monaco (GER)

Campionati Mondiali

Cinzia Cavazzuti

U57

2001

Monaco (GER)

Campionati Mondiali

Ylenia Scapin

U63

2001

Monaco (GER)

Campionati Mondiali

Giuseppe Maddaloni

U73

2001

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Denis Braidotti

O100

2001

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Giuseppina Macrì

U48

2001

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Cinzia Cavazzuti

U57

2001

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Ylenia Scapin

U63

2001

Parigi (FRA)

Campionati Europei

Clementina Papa

OpenW

2001

Parigi (FRA)

Campionati Europei

I Grandi Maestri di karate

I Maestri di Okinawa

Il tode, noto anche come Okinawa-te si differenziò subito in tre stili a seconda dei luoghi in cui veniva praticato: il Naha-te (sul modello del kung fu della Cina meridionale), il Shuri-te e il Tomari-te (entrambi sul modello del kung fu della Cina settentrionale). Qui di seguito i principali maestri di Okinawa-te.

Takahara Peichin
Peichin Takahara (1683-1760)
È conosciuto per essere stato il primo a spiegare gli aspetti o i principi del do ("via")
Sakugawa "Tode" Kanga (1733-1815)
Fondatore dello stile Shuri-te (l'attuale Shorin-ryu)
Sokon Matsumura
Sokon "Bushi" Matsumura (1809-1901)
Anko Asato
Anko Asato (1827–1906)
Matsumora Kosaku (1829-1898)
Kosaku Matsumora (1829-1898)
Anko Itosu
Itosu Anko (1831-1915)
Arakaki Seisho (1840-1918)
Arakaki Seisho (1840-1918)
Kanryo Higaonna fondatore del Naha-te
Higaonna Kanryo (1853-1915)
Fondatore dello stile Naha-te
Motobu Choyu (1857-1928)
Motobu Choyu (1857-1928)
Kentsu Yabu (1866-1937)
Kentsu Yabu (1866-1937)
Motobu Choki (1870-1944)
Motobu Choki (1870-1944)
Kyan Chotoku (1870-1945)
Chotoku Kyan (1870-1945)
Chosin Chibana (1885-1969)
Choshin Chibana (1885-1969)
Kanken Toyama (1888-1966)
Kanken Toyama (1888-1966)

Stile Goju-ryu

Chojun Miyagi fondatore dello stile Goju-ryu
Miyagi Chojun (1888-1953)
Fondatore dello stile Goju-ryu
Seiko Higa (1898-1966)
Seko Higa (1898-1966)
Eiichi Miyazato (1922-1999)
Eiichi Miyazato (1922-1999) - 10° Dan
Yamaguchi Gogen (1907-1989)
Yamaguchi Gogen (1907-1989)
Meitoku Yagi (1912-2003)
Meitoku Yagi (1912-2003)
An'Ichi Miyagi (1931-2009)
An'Ichi Miyagi (1931-2009)
Morio Higaonna (1938)
Morio Higaonna (1938) - 10° Dan
Tetsugi Nakamura (1965)
Tetsugi Nakamura (1965)

Stile Shotokan

Gichin Funakoshi fondatore karate shotokan
Funakoshi Gichin (1868-1957)
Fondatore dello stile Shotokan
Yoshitaka Funakoshi
Funakoshi Yoshitaka (1906-1945)
Minoru Mochizuki fondatore del dojo yoseikan
Mochizuki Minoru (1903-2003)
Egami Shigeru (1912-1981)
Egami Shigeru (1912-1981)
Nakayama Masatoshi (1913-1987)
Nakayama Masatoshi (1913-1987) - 10° Dan
Nishiyama Hidetaka (1928-2008)
Nishiyama Hidetaka (1928-2008) - 10° Dan
Kase Taiji (1929-2004) - 10° Dan
Kase Taiji (1929-2004) - 10° Dan
Kanazawa Hirokazu (1931-2019) - 10° Dan
Kanazawa Hirokazu (1931-2019) - 10° Dan
Teruyuki Okazaki (1931-2020)
Teruyuki Okazaki (1931-2020) - 10° Dan
Mori Masataka (1932-2018)
Mori Masataka (1932-2018) - 9° Dan
Yutaka Yaguchi (1932)
Yutaka Yaguchi (1932)
Takayuki Mikami (1933)
Mikami Takayuki (1933) - 9° Dan
Asai Tetsuhiko (1935-2006)
Asai Tetsuhiko (1935-2006) - 10° Dan
Keinosuke Enoeda (1935-2003)
Keinosuke Enoeda (1935-2003) - 9° Dan
Hiroshi Shirai
Hiroshi Shirai (1937) - 10° Dan
Masaru Miura
Miura Masaru (1939) - 9° Dan
Kawasoe Masao (1945)
Kawazoe Masao (1945)
Osaka Yoshiharu (1947)
Osaka Yoshiharu (1947) - 8° Dan
Naito Takeshi (1948)
Takeshi Naito (1948) - 9° Dan

Stile Shito-ryu

Kenwa Mabuni
Mabuni Kenwa (1889-1952)
Fondatore dello stile Shito-ryu
Kenei Mabuni (1918-2015)
Mabuni Kenei (1918-2015) - 10° Dan
Kenzo Mabuni (1927-2005)
Mabuni Kenzo (1927-2005) - 10° Dan
Shogo Kuniba (1935-1992)
Shogo Kuniba (1935-1992) - 8° Dan
Fumio Demura (1938)
Fumio Demura (1938) - 9° Dan

Stile Wado-ryu

Hironori Otsuka
Otsuka Hironori (1892-1982)
Fondatore dello stile Wado-ryu
Hironori Otsuka II
Otsuka Hironori II (1934-2015) - 10° Dan
Yutaka Toyama
Yutaka Toyama (1938) - 9° Dan
Masafumi Shiomitsu (1940)
Masafumi Shiomitsu (1940) - 9° Dan
Nishimura Seiji (1956)
Nishimura Seiji (1956) - 7° Dan
Kazutaka Otsuka
Otsuka Kazutaka (1965) - 6° Dan
Minh Tran Hieu
Minh Tran Hieu - 7° Dan
Iwao Yoshioka
Iwao Yoshioka (1946)
Toshio Osaka
Toshio Osaka - 8° Dan

Stile Shukokai

Tani Chojiro (1921-1998)
Tani Chojiro (1921-1998)
Fondatore dello stile Shukokai
Tsutomu Kamohara (1950)
Tsutomu Kamohara (1950) - 9° Dan
Haruyoshi Yamada
Haruyoshi Yamada (1938-2018) - 10° Dan

Stile Sankukai

Nanbu Yoshinao (1943-2020)
Nanbu Yoshinao (1943-2020)
Fondatore dello stile Sankukai

Stile Kyokushinkai

Oyama Masutatsu (1923-1994)
Oyama Masutatsu (1923-1994)
Fondatore dello stile Kyokushinkai

Stile Yoshukai

Yamamoto Mamoru (1938)
Yamamoto Mamoru (1938)
Fondatore dello stile Yoshukai

Storia del taijiquan

Dalle origini delle arti marziali alla nascita e sviluppo del taijiquan

Benché facciano parte di un’unica energia, è possibile distinguere il vuoto e il pieno. Per natura, ogni attitudine fisica, ogni movimento, ogni applicazione possiede un suo vuoto e un suo pieno. La trasformazione consiste nel vuotare ciò che è pieno e riempire ciò che è vuoto, il tutto conservando l’unità fondamentale dell’energia.

Zhang Sanfeng (1127-1279)

Origini delle arti marziali in Cina

Zhang Sanfeng

Il monaco taoista Zhang Sanfeng in una stampa d’epoca

In Cina il rapporto tra esercizio fisico e medicina terapeutica ha preceduto di gran lunga la nascita delle arti marziali, e ciò che i cinesi hanno sviluppato intorno alla cultura fisica ha avuto inizio prima che la storia venisse documentata attraverso fonti ufficiali. Esempi espliciti di tali relazioni possono essere facilmente riscontrabili nei testi di medicina tradizionale ove sono descritte molte delle teorie che costituiscono la base del taijiquan. Così come ad esempio nella medicina terapeutica e preventiva si sono sviluppati esercizi fisici che hanno tratto il loro spunto da alcune posizioni animali, molte sono le tecniche che anche nel taijiquan prendono il nome da questi.
Bodhidharma

Bodhidharma (483 circa – 540)

La storia delle arti marziali ha inizio con Bodhidharma (Ta-mo in cinese, Daruma in giapponese) che, originario dell’India, estese il buddismo oltre i confini cinesi. Ideatore di alcuni esercizi fisici, che avevano come obiettivo quello di aiutare i monaci che passavano la maggiro parte del loro tempo in meditazione sedentaria, legò inseparabilmente il proprio nome a colui che diede l’avvio alle arti marziali esterne. Tale ipotesi leggendaria si è sviluppata inoltre in considerazione del fatto che un metodo di autodifesa, in momenti di disordine e banditismo, potesse rappresentare per i monaci un elemento importante per la sopravvivenza stessa.

Così come i buddisti avevano trovato in Bodhidharma il loro eroe leggendario anche i taoisti trovarono, più tardi, con Zhang Sanfeng la figura mitica che diede origine agli stili interni. Fu così che mentre Bodhidharma venne identificato come l’ideatore dello stile shaolinquan, Zhang Sanfeng venne associato alla nascita del taijiquan.

La nascita del taijiquan

Zhang Sanfeng - La gru e il Serpente

La leggenda narra che Zhang Sanfeng ebbe la prima ispirazione sul Taiji osservando il combattimento
tra una gru e un serpente. La gru attaccava dall’alto ripetutamente ma il serpente
con il suo movimento fluido e circolare schivava i potenti colpi del nemico alato.

Numerose sono le teorie succedutesi intorno alle origini del taijiquan e difficile risulta una netta separazione tra fantasia e realtà. Molti sono coloro che nel passato hanno ricordato il leggendario monaco taoista Zhang Sanfeng come il padre del Taijiquan. Le leggende narrate intorno a tale figura sono molte ma tutte concordano nel ritenere che egli sia vissuto sui monti Wudang in un periodo compreso tra il XII e il XV secolo.

Altre fonti ancora fanno risalire il taijiquan al periodo tang, tra l’ottavo e il nono secolo. Questa seconda ipotesi fa riferimento a scuole di arti marziali diverse successivamente unificate da Zhang Sanfeng.

Una terza ipotesi riporta a Wang Zongyue e lo indica il fondatore del taijiquan. Le storie raccontate attorno a tale personaggio lo descrivono come girovago e avventuriero proveniente dalla provincia di Shanxi. Durante i suoi spostamenti sembrerebbe si sia fermato in uno dei villaggi Chen nella provincia di Henan in un periodo intorno al XVIII secolo. Fermatosi nel villaggio di Chenjiagou avrebbe insegnato il taijiquan ad alcuni componenti della famiglia Chen, ma la storia non racconta dove egli avesse appreso l’arte del taijiquan né chi gliela avesse trasmessa.

Chen Wangting

Statua di Chen Wangting

La quarta ipotesi, che viene oggi considerata come la più accreditata, indica in Chen Wangting ( colui che a cavallo dei secoli XVI e XVII diede origine all’evoluzione del taijiquan.
Chen Wangting (1580-1660), nato nel villaggio di Chenjiagou tra la fine del periodo Ming e l’inizio di quello Quing, era considerato un uomo di cultura e un guerriero professionista che aveva al proprio comando una guarnigione nella contea di Wen. È con lui che si delinea la prima documentazione storica sulle origini del taijiquan. Studioso di molte arti da combattimento, trasmise alle arti marziali della famiglia l’applicazione dell’energia interna “Daovin” e i metodi della respirazione “Tuna”, caratteristiche del patrimonio esoterico taoista “Qigong”.
Ulteriori contributi che apportò alle arti marziali sono stati lo sviluppo di movimenti a spirale e la creazione degli esercizi di spinta con le mani “Tuishou”. A lui si devono l’acquisizione del rilassamento nelle arti marziali quale veicolo di forza e di energia interna.
Di sua creazione furono cinque forme di “Toutao Quan”, antico nome del taijiquan, una forma di Chang Quan e cinque forme di Paocui, così come l’ideazione di alcune forme con la spada e la lancia.

Oltre a quelle citate altre teorie sono state scritte sulle origini del taijiquan, ma il quadro cronologico che delinea la successione delle figure più rappresentative, presentate ufficialmente dalla Cina, indica Chen Wangting come il più accreditato fondatore del taijiquan.

La famiglia Chen e lo sviluppo del taijiquan

Chen Changxing (1771-1853)

Chen Changxing (1771-1853)

Chen Changxing (1771-1853), discendente di Chen Wangting, ebbe anch’egli un ruolo importante nella storia del taijiquan: fu il primo a diffondere lo stile all’esterno della famiglia Chen. Vissuto tra il 1771 e il 1853 ebbe molti discepoli tra i quali Yang Luchan, proveniente dalla provincia dello Hubei, che in seguito fondò la scuola Yang.

Un altro componente della famiglia, Chen Zhongxing (1809-1871), ricoprì un ruolo importante nella lotta contro alcuni clan che fomentavano sollevamenti popolari e anti Manciù. I clan dei Taiping e dei Nian che alla testa di migliaia di persone attaccarono il villaggio di Chenjiagou furono respinti da Chen Zhongxing e dai suoi compagni.
Chen Zhongxing, noto per la sua bravura nelle tecniche di combattimento, guidò più volte i contadini del proprio villaggio contro le bande legate a società segrete che intendevano rovesciare il governo imperiale dei Manciù. Molti furono i villaggi che dovettero difendersi da movimenti destabilizzanti e fu così che i membri della famiglia Chen, tramandandosi le tradizioni di generazione in generazione, si dedicarono alle arti marziali e allo sviluppo del taijiquan.

La famiglia Yang e la diffusione del taijiquan

Se il villaggio di Chenjiagou con la famiglia Chen è stato considerato il tempio del taijiquan, la famiglia Yang è stata sicuramente la fautrice della sua diffusione.

Yang Luchan (1789-1872)

Yang Luchan (1789-1872)

Yang Luchan (1789-1872), prestò servizio come servitore presso la famiglia Chen e di nascosto seguì gli insegnamenti che Chen Changxing tramandava ai propri figli. Scoperto da Chen Changxing, che rimase sorpreso dalla bravura conseguita da Yang Luchan, gli fu concesso di partecipare agli insegnamenti che sino ad allora erano stati gelosamente riservati ai soli membri della famiglia.
Dopo essere tornato nel proprio paese natale nello Hebei, dove insegnò il taijiquan per un certo periodo, si traferì a Pechino dove fondò la scuola di Taiji Yang. Sfidato da maestri appartenenti ad altre scuole viene ricordato come invincibile e di lui si raccontano episodi dai contorni straordinari.

I tre figli di Yang Luchan sistematizzarono ognuno modalità diverse d’insegnamento: Yang Banhou (1837-1892) diede origine alla piccola concatenazione; Yang Jianhou (1839-1917) alla media concatenazione e Yang Fenghou (1835-1861) continuò a praticare la grande concatenazione ereditata dal padre.

Yang Chengfu (1883-1936), nipote di Yang Luchan e figlio di Yang Jianhou, estese la conoscenza del taijiquan in tutta la Cina.

In tale periodo il taijiquan subì grandi trasformazioni diventando sempre più una tecnica per il mantenimento della salute psicofisica, perdendo via via la sua natura marziale di esclusiva tecnica di combattimento.

Un ulteriore apporto alla diffusione del taijiquan va attribuita a Chen Weiming, allievo di Yang Chengfu. Nel 1915 Chen Weiming conobbe a Pechino Sun Lutang (1860-1933) che più tardi fondò uno stile di taijiquan chiamato Sun. Fu proprio grazie a questo incontro che Chen Weiming poté entrare in contatto con Yang Chengfu che in seguito divenne il suo maestro. Nel 1924 Chen Weiming si stabilì a Shanghai dove fondò una società per la diffusione del taijiquan di stile Yang.

Altri maestri si trasferirono dalle campagne alle grandi città e numerosi furono gli allievi che iniziarono a frequentare le scuole di taijiquan, alcuni di loro divennero a loro volta buoni insegnanti e finirono per fondare vere e proprie associazioni o per insegnare taijiquan nei parchi. All’inizio degli anni ’30 l’insegnamento del taijiquan fu introdotto in alcune scuole pubbliche e negli istituti di educazione fisica.

Sun Lutang (1860-1933)

Sun Lutang (1860-1933)

La scuola di stile Sun fu creata da Sun Lutang che sistematizzò uno stile di taijiquan in cui le tecniche risultano più dure che nella scuola Yang. Sun Lutang esperto di stili interni quali il “Bagua quan” e lo “Xingyi quan” fuse insieme questi due stili con il taijiquan dando origine a uno stile del tutto particolare. Tale scuola si diffuse soprattutto nelle provincie dello Hebei e dello Jiangsu.

Le scuole dello stile Wu sono due in quanto sono omonimi i due fondatori che le hanno create. Una fu fondata da Wu Yuxiang (1812-1880) che studiò con Yang Luchan e Chen Qingping e la seconda fu fondata da Wu Jianquan (1870-1942) della provincia dello Hebei; suo maestro fu il padre Wu Quanyou, già allievo di Yang Banhou, primogenito di Yang Luchan. Avendo studiato la piccola concatenazione dove i movimenti risultano più contratti trasmise questa connotazione allo stile Wu, imprimendo al corpo posizioni più inclinate rispetto allo stile Yang.

Wu Jianquan diventò insegnante di arti marziali delle guardie del palazzo presidenziale e in seguito fu chiamato a insegnare nella scuola di Educazione Fisica di Pechino e a Shanghai, dove diresse la locale Associazione delle Arti Marziali.

Chen Fake (1887-1957)

Chen Fake (1887-1957)

Indipendentemente dalle variazioni adottate gli stili menzionati hanno in comune la stessa matrice: lo stile Chen. Tra gli eredi più prestigiosi dello stile che hanno contribuito alla diffusione di tale patrimonio spicca sicuramente Chen Fake (1887-1957) rappresentante della XVII generazione. Chen Fake, che considerava la propria conoscenza come patrimonio ereditario familiare, approdò a Pechino nel 1928 dove venne sfidato più volte dai migliori combattenti del momento. La gente rimase stupita dalla velocità e potenza che accompagnavano le sue tecniche e l’ammirazione dei cinesi verso la sua imbattibilità e la sua capacità di sbarazzarsi degli avversari fu tale che Chen Fake venne sommerso di richieste d’insegnamento e decise di stabilirsi a Pechino.

In tempi più recenti, con l’instaurarsi della Repubblica Popolare Cinese, il taijiquan è diventato sempre più un metodo di terapia finalizzato al mantenimento della salute e ha perdurato quasi definitivamente il proprio aspetto marziale. Parallelamente, per gli stili più rappresentativi, il Comitato Sportivo Nazionale ha codificato alcune forme diminuendone il numero di tecniche e semplificandone talune parti. Negli ultimi decenni sono state infatti create sequenze composte da ventiquattro movimenti definite “forme da gara”.

Con la fine del periodo più “oscuro”, in cui gli effetti della politica del governo centrale hanno condizionato pesantemente la maggior parte delle attività tradizionali, restringendone il campo, si sta assistendo oggi al recupero delle arti marziali tradizionali dentro e fuori la Cina.
Molti sono coloro che si recano in Cina per motivi di studio e sempre più numerosi sono i maestri che dalla Cina raggiungono l’occidente per diffondere l’arte del taijiquan.

Taijiquan

Storia del taijiquan

Storia del taijiquan dalle le origini delle arti marziali in cina, alla nascita e sviluppo del taijiquan

La parte migliore del Taijiquan non è la forma esteriore, ma la crescita interiore. È necessario praticare l’esterno per poter trovare l’interno.

In Costruzione

I Grandi Maestri di judo

Jigoro Kano fondatore del Judo
Jigoro Kano - Fondatore del Judo (1860-1938)

10° Dan Kodokan

Questi di seguito sono gli unici 10° dan promossi dal Kodokan di Tokyo che non riconosce altri gradi oltre al proprio.

Yoshitsugu Yamashita
Yoshitsugu Yamashita (1865-1935) - 10° Dan Kodokan
Hajime Isogai (1871-1947)
Hajime Isogai (1871-1947) - 10° Dan Kodokan
Hideichi Nagaoka (1876-1952)
Hideichi Nagaoka (1876-1952) - 10° Dan Kodokan
Kyuzo Mifune - 10° Dan
Kyuzo Mifune (1883-1965) - 10° Dan Kodokan
Kunisaburo Iizuka (1875-1958)
Kunisaburu Iizuka (1875-1958) - 10° Dan Kodokan
Kaichiro Samura (1880-1964)
Kaichiro Samura (1880-1964) - 10° Dan Kodokan
Shotaro Tabata (1884-1950)
Shotaro Tabata (1884-1950) - 10° Dan Kodokan
Yoshitaro Okano (1885-1967)
Yoshitaro Okano (1885-1967) Kodokan
Matsutaro Shoriki (1885-1969)
Matsutaro Shoriki (1885-1969) Kodokan
Shozo Nakano (1888-1977)
Shozo Nakano (1888-1977) Kodokan
Tamio Kurihara (1896-1979)
Tamio Kurihara (1896-1979) - 10° Dan Kodokan
Sumiyuki Kotani (1903-1991)
Sumiyuki Kotani (1903-1991) - 10° Dan Kodokan
Ichiro Abe (1922)
Ichiro Abe (1922) - 10° Dan Kodokan
Toshiro Daigo (1926)
Toshiro Daigo (1926) - 10° Dan Kodokan
Yoshimi Osawa (1926)
Yoshimi Osawa (1926) - 10° Dan Kodokan

10° Dan IJF

Charles Palmer (1930-2001)
Charles Palmer (1930-2001) - 10° Dan IJF
Anton Geesink (1934-2010)
Anton Geesink (1934-2010) - 10° Dan IJF
George Kerr (1937)
George Kerr (1937) - 10° Dan IJF
Yoshihiro Uchida (1920)
Yoshihiro "Yosh" Uchida (1920) - 10° Dan IJF
Franco Capelletti (1938)
Franco Cappelletti (1938) - 10° Dan IJF

Altri importanti Maestri

Sakujiro Yokoyama (1864-1912)
Sakujiro Yokoyama (1864-1912) - 8° Dan Kodokan
Shiro Saigo (1866-1922)
Shiro Saigo (1866-1922) - 6° Dan Kodokan
Tsunejiro Tomita (1865-1937)
Tsunejiro Tomita (1865-1937) - 7° Dan Kodokan
Takeo Hirose (1868-1904)
Takeo Hirose (1868-1904) - 6° Dan Kodokan
Takejiro Yuasa (1871-1904)
Takejiro Yuasa (1871-1904) - 6° Dan Kodokan
Itsuro Munakata (1866-1941)
Itsuro Munakata (1866-1941) - 7° Dan Kodokan
Sampo Toku (1887-1945)
Sampo Toku (1887-1945) - 9° Dan Kodokan
Gunji Koizumi il padre del judo britannico
Gunji Koizumi (1885-1965) - 8° Dan Kodokan
Kawaishi Mikinosuke (1899-1969)
Mikinosuke Kawaishi (1899-1969) - 10° Dan FFJDA (Federazione Francese di judo)
Kenshiro Abbe (1915-1985)
Kenshiro Abbe (1915-1985) - 8° Dan Kodokan
Ken Noritomo Otani
Ken Noritomo Otani (1920-2017) - 9° Dan Kodokan
Tadashi Koike
Tadashi Koike (1927-1997) - 7° Dan Kodokan

Kodokan Goshin Jutsu

Forma di autodifesa moderna del Kodokan

 

Kodokan-Goshin-Jutsu

Un momento dell’esecuzione del Kodokan Goshin Jutsu

Il Kodokan Goshin Jutsu, la forma di autodifesa moderna del Kodokan, è un Kata sostanzialmente recente. Infatti esso è stato messo a punto in epoca ben lontana dalla morte del fondatore del judo, Jigoro Kano, che ricordiamo avvenne il 5 maggio 1938.

Kodokan Goshin Jutsu è un insieme di forme che indica i princìpi e le tecniche di autodifesa applicabili alla società moderna. Diversi anni dopo che Jigoro Kano ha fondato il Kodokan, ha stabilito il Kime No Kata per un serio combattimento. Tuttavia, in accordo con i grandi cambiamenti negli stili di vita, fu richiesta l’istituzione di forme per l’adattamento all’autodifesa per i tempi e di conseguenza fu istituito il Kodokan Goshin Jutsu l’8 gennaio 1957 (e adottato ufficialmente nel 1958), riferendosi alle tecniche di arti marziali diverse che consentono di difendersi a mani vuote contro attaccanti armati o disarmati e incarnano il concetto di cooperazione reciproca del judo che dice “ferma l’alabarda, finisci con il minimo danno”.

Lo spirito del Kodokan Goshin Jutsu era simile a quello del Kime No Kata, tanto che venne denominato anche Shin Kime No Kata o nuovo Kime No Kata.
È molto differente, invece, sotto l’aspetto tecnico. Infatti tutte le tecniche erano state accuratamente scelte fra le tattiche più recenti di offesa-difesa dell’epoca.

È formato da 21 tecniche suddivise in due gruppi: “senza uso di armi” denominato Toshu-no-bu e “con l’uso di armi” Buki-no-bu.
La “sezione disarmata” consiste di un totale di dodici tecniche divise in sette “difese da prese varie” e cinque “difese da attacco da lontano”; mentre la “sezione armata” è composta da un totale di nove tecniche, tre per ogni tipologia di attacco, “contro colpi di pugnale”, “contro colpi di bastone” e “contro minaccia con la pistola”.

Il 15 luglio 1987 ne è stata effettutata una prima revisione, mentre l’1 dicembre 1992 è la data dell’ultima revisione.

 

Composizione del Kodokan Goshin Jutsu

TOSHU-NO-BU - Difese senza armi

KUMITSUKARETA-BO-AI (distanza ravvicinata)

Gruppo I: Difese da prese varie

  • Ryote-dori (presa ai polsi per avanti)
  • Hidari-eri-dori (presa al bavero sinistro – spingendo)
  • Migi-eri-dori (presa al bavero destro – tirando)
  • Kata-ude-dori (presa al braccio da dietro)
  • Ushiro-eri-dori (presa di colletto da dietro)
  • Ushiro-jime (soffocamento a mani nude da dietro)
  • Kakae-dori (presa da dietro)

HANARETA-BO-AI (lunga distanza)

Gruppo II: Difese da colpi di pugni e calci

  • Naname-uchi (pugno obliquo alla tempia sinistra)
  • Ago-tsuki (pugno al mento – uppercut)
  • Ganmen-tsuki (pugno diretto al viso)
  • Mae-geri (calcio frontale)
  • Yoko-geri (calcio laterale)

BUKI-NO-BU - Difese con le armi

Gruppo III: difesa da attacchi di pugnale (TANTO)

  • Tsukkake (tentativo di estrarre il pugnale)
  • Choku-tsuki (pugnalata allo stomaco)
  • Naname-tsuki (pugnalata obliqua al collo dall’alto)

Gruppo IV: difesa da attacchi di bastone (TSU-E)

  • Furi-age (bastonata dall’alto)
  • Furi-oroshi (bastonata alla tempia)
  • Morote-tsuki (bastonata di punta allo stomaco)

Gruppo V: difesa da minaccia con la pistola

  • Shomen-zuke (minaccia con pistola da vicino)
  • Koshi-gamae (minaccia con pistola al fianco)
  • Haimen-zuke (minaccia con pistola alla schiena)

Video sul Kodokan Goshin Jutsu

Kodokan Goshin Jutsu – Video didattico del Kodokan di Tokyo – Koshi Onozawa 7° Dan (Tori) – Koji Komata 7° Dan (Uke)

Kodokan Goshin Jutsu – Tokyo Budokan Reopening Events – Takeshi Takeda 6° Dan (Tori) – Junichi Miyazaki 6° Dan (Uke)

Summer Course 2017 – Kodokan Goshin Jutsu – Ikeda Koo (Tori) – Sakamaki Fumitaka (Uke) – Campioni del Mondo ai World Judo Kata Championships 2017 a Olbia

Kodokan Goshin Jutsu – World Judo Kata Championships 2014 (Malaga) – I vincitori della medaglia d’oro: Hideki Miyamoto (Tori) e Masaki Watanabe (Uke)

Libri Arti Marziali

I segreti dei samurai
Le antiche arti marziali

Autore: Oscar Ratti / Adele Westbrook
Editore: Edizioni Mediterranee
Data Pubblicazione: 30 settembre 1983
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 500 pagine
ISBN: 978-8827201664
Peso articolo: 1,04 kg

Questo volume dedicato alle arti marziali del Giappone feudale, illustra dettagliatamente le armi, le tecniche, le strategie e i principi di combattimento che resero così terribili i guerrieri giapponesi. Si tratta dell’unica opera occidentale dedicata a questo argomento. Partendo da una panoramica delle prime lotte tumultuose per la supremazia politica, il volume segue e presenta l’affascinante ed inarrestabile ascesa della classe militare verso il potere assoluto. Tutte le più importanti arti marziali sono esaminate in maniera particolareggiata, e l’evoluzione di ognuna di esse è seguita attraverso i più famosi maestri e combattenti. Gli autori trattano inoltre di metodi di preparazione e di allenamento pressoché sconosciuti, considerati generalmente esoterici e spesso anche di origine divina: essi avevano lo scopo di aiutare lo sviluppo del potere interiore dell’uomo, e di fondere tutte le sue energie in un’unica forza concentrata. Il volume si conclude alle soglie dei tempi moderni, e fornisce in tal modo un’ampia e accurata retrospettiva per una migliore comprensione delle arti marziali così come vengono oggi praticate, che si sono irradiate dal Giappone in tutto il mondo. Riccamente illustrato, questo studio si approfondisce su ogni forma e tipo di arte marziale, a mani nude o con armi. Oltre che appassionati e cultori di arti marziali, il volume interessa anche studiosi e collezionisti di armi ed armature, i quali troveranno nel testo numerose e dettagliate illustrazioni.

Storia delle Arti Marziali
L'avventura delle discipline da combattimento

Autore: Stefano Di Martino
Editore: Odoya
Data Pubblicazione: 26 novembre 2020
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 432 pagine
ISBN: 978-8862886307
Peso articolo: 515 g
Dimensioni: 21 x 33 x 15,7 cm

Fin dagli albori della storia il complesso di discipline di combattimento armate e disarmate che conosciamo come “arti marziali” ha accompagnato lo sviluppo della civiltà. Nei secoli le arti del combattimento, in Oriente e in Occidente, sono state tecniche di sopravvivenza, discipline filosofiche, attività ludiche, sportive e, dal Novecento, hanno parzialmente cambiato finalità ponendosi soprattutto come pratiche educative per tutti, abbandonando le caratteristiche più violente allo scopo di migliorare il fisico e la mente di chi le esercita. L’autore, che vanta una trentennale esperienza come atleta, insegnante, giornalista e promoter, ripercorre la storia dell’evoluzione delle tecniche di combattimento dall’antichità a oggi in una panoramica agile e avvincente. Dalle prime tecniche praticate da Egiziani e Babilonesi fino alle discipline coltivate da monaci buddhisti, santoni indù, samurai e contadini in rivolta, la storia delle arti marziali si sviluppa come un travolgente racconto sull’avventura dell’Uomo. Attraverso continui mutamenti e sviluppi si è giunti alle moderne Mixed Martial Arts, riservate a campioni professionisti, mentre nelle palestre si coltivano dottrine che insegnano il rispetto di se stessi e dell’avversario. Non mancano aneddoti e ritratti di personaggi chiave, oltre che un’analisi paese per paese delle singole scuole, con cui l’autore traccia un quadro esaustivo di un mondo esaltante in continua evoluzione.

Le arti marziali tradizionali cinesi in epoca moderna
Ignoranza e decadimento

Autore: Giacomo De Angelis
Editore: Luni Editrice
Data Pubblicazione: 22 ottobre 2020
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 192 pagine
ISBN: 978-8879847063
Peso articolo: 390 g

«Questo tipo di ignoranza culturale-marziale, ormai tramandata e consolidata da oltre un secolo, è la causa dell’inefficacia di tali tecniche, e quindi il decadimento di quelli che oggi sono definiti erroneamente stili tradizionali, i quali, assurti ormai a verità assiomatiche, rendono estremamente difficile invertire questa tendenza alla mediocrità». Così questo libro annuncia l’oggetto delle sue pagine: la diffusione dell’ignoranza e della mediocrità all’interno delle scuole di arti marziali tradizionali cinesi e non solo. La trattazione che ne segue è una sorta di genealogia di questa involuzione che, nella prosa spesso scanzonata di De Angelis, tocca campi differenti, dalla politica, all’educazione, dalla filosofia e religione, alla stessa vita sociale, offrendo paragoni e differenti riflessi da Oriente a Occidente, dal passato al presente e viceversa. Tuttavia, per l’autore, questa involuzione è iniziata diversi secoli fa, quando l’arte marziale ha avviato un processo di alienazione dalle tecniche militari, quando l’abilità ha ceduto il posto all’esteriorità, la pratica reale all’idealizzazione del movimento, la competenza alla mediocrità. De Angelis, ripercorrendo delle tappe importanti della cultura cinese, analizza e spiega nel dettaglio i concetti e le teorie marziali più rilevanti, dandone la giusta connotazione in un mare di credenze impeccabilmente false.

Il controllo del flusso energetico nelle arti marziali

Autore: Giovanni Orlandi
Editore: Edizioni Mediterranee
Data Pubblicazione: 16 luglio 2020
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 120 pagine
ISBN: 978-8827230480
Peso articolo: 260 g
Dimensioni: 15,6 x 0,9 x 22,1 cm

Per le filosofie orientali l’energia dell’uomo deriva da quella dell’universo. La tradizione indica tre grandi scuole che si sono occupate dell’energia dell’universo: la scuola indiana del Prana, basata su una speculazione globale (l’uomo nell’universo); la scuola cinese del Qi, basata maggiormente sulla salute umana; la scuola nipponica del Ki, basata principalmente sull’azione. Per tutte le tradizioni una buona fonte di approvvigionamento esterno di energia è rappresentato da come respiriamo. Apprendere le tecniche di controllo del respiro è infatti fondamentale per introdurre e mantenere l’energia del corpo umano. Esaminando i principi delle scienze occidentali e delle tradizioni orientali Orlandi ha indagato come entriamo in contatto con la nostra energia interiore, come la incrementiamo e come possiamo controllare lo spostamento di energia durante l’esecuzione delle tecniche di autodifesa e combattimento. Per la loro corretta esecuzione è necessario conoscere il significato e l’applicazione della tecnica ma anche saper incanalare efficacemente il flusso di energia negli arti interessati. L’autore Giovanni Orlandi spiega il Budo ni okeru Kiryuuno Seigyo cioè Energia e flusso energetico. Ma cos’è l’energia? Qual è la sua sorgente originaria e come si può controllare il flusso per ottenere una efficace applicazione nelle tecniche di autodifesa e combattimento? La natura stessa di questa ricerca ha portato l’Autore a trattare l’argomento dal punto di vista occidentale e dal punto di vista orientale. In Occidente indagare il concetto di energia ha richiesto all’autore un approccio multidisciplinare che tocca i campi della fisica, della biologia, chimica, medicina sportiva, biomeccanica, cultura e pratica marziale. Per quanto riguarda la cultura orientale invece, il concetto di Qi è ampiamente radicato nella tradizione. L’energia interna e dell’Universo è da sempre un argomento molto presente nelle discipline orientali, che sia chiamata in cinese Qi oppure in giapponese Ki, ed è ciò che fa a differenza tra le arti marziali orientali e gli sport di combattimento occidentali. Con riferimento a quest’ultimo ambito, nel libro sono state prese in esame le tecniche disarmate delle principali arti marziali giapponesi: aikido judo e karate.

Il Libro dei cinque anelli

Autore: Miyamoto Musashi
Editore: Feltrinelli
Data Pubblicazione: 22 Ottobre 2020
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 160 pagine
ISBN: 978-8807894404
Peso articolo: 180 g
Dimensioni: 13 x 1,02 x 19,99 cm

Noto anche con il titolo “Il Libro dei Cinque elementi”, poiché i cinque capitoli che lo formano recano il nome dei cinque elementi costitutivi del mondo – Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Vuoto –, questo volume è la sintesi di tutta l’esperienza del maestro di spada Miyamoto Musashi. Ciascuno dei cinque elementi incarna una forma di strategia e chi li padroneggia alla perfezione è pertanto un samurai invincibile. Secondo Musashi il guerriero deve affrontare qualsiasi situazione della vita con la stessa impostazione mentale con cui scende in battaglia: la sua prima raccomandazione è di conoscere a fondo il proprio nemico, per preparare il terreno e prevenirne l’iniziativa. Inoltre, un’importanza cruciale assumono le tecniche psicologiche, per vincere l’avversario piegandone la mente. Non a caso, quest’opera viene frequentemente accostata a “L’arte della guerra” di Sun Tzu: come il classico di strategia militare cinese, ha la capacità di parlare a tutti coloro che perseguono un obiettivo o devono superare delle difficoltà, nella vita come nel lavoro. La presente edizione è tradotta dal giapponese ed è corredata da un’appendice contenente il Dokkodo, ovvero La Via da seguire da soli, il brevissimo manoscritto terminato pochi giorni prima di morire, in cui Musashi condensava in ventun precetti la propria eredità spirituale.

La via in rosa
Donne e arti marziali

Autore: Valeria Raeli
Prefazione: Ferdinando Balzarro
Editore: OM
Data Pubblicazione: 30 luglio 2020
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 213 pagine
ISBN: 978-8892720091
Peso articolo: 330 g
Dimensioni: 15 x 1,5 x 21 cm

Sebbene da numerosi decenni la presenza delle donne in qualsivoglia attività umana, sia indiscusso dato di fatto, nonché acclarata la di loro capacità di raggiungere altissimi livelli nelle più disparate discipline artistiche e sportive, per quanto concerne le Arti Marziali, una vera e propria diretta testimonianza di tale straordinaria esperienza non era mai stata considerata, né tanto meno descritta e infine puntualmente raccolta in un libro… perlomeno in Italia. Nel libro “La via rosa”, l’autrice Valeria Raeli si pone l’obiettivo di colmare almeno in parte tale lacuna intervistando otto delle più significative esponenti e maestre di Arti Marziali (di esclusiva matrice giapponese): Karate, Judo, Kyudo, Aikido, Kendo. Dalla loro stessa voce scaturiranno i principali motivi di una scelta di vita, le difficoltà incontrate, le emozioni, i dubbi e le contraddizioni, i sacrifici, le fulgide soddisfazioni, il puro amore per l’Arte, la monolitica passione. Pur essendo tutte campionesse dal glorioso passato agonistico, la componente volutamente posta in risalto, riguarda appunto quell’arduo percorso, la “Via” …il “DO”, che ognuna di esse ha compiuto e ancora umilmente prosegue, sempre alla ostinata ricerca di sé e per lasciare le proprie tracce alle nuove generazioni. Non mancherà il contributo di cinque importanti maestri di karate, Judo e Aikido che esprimeranno il loro punto di vista sul magico quasi melodico richiamo della “Via in Rosa”. Prefazione di Ferdinando Balzarro.

I calci nelle Arti Marziali
Il testo di riferimento per i praticanti di ogni stile

Autori: Mark De Bremaeker / Roy Faige
Illustratore: S. Navot
Traduttore:
M. Faccia
Editore:
Edizioni Mediterranee
Data Pubblicazione: 29 aprile 2015
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 257 pagine
ISBN: 978-8827225776
Peso articolo: 760 g
Dimensioni: 28,2 x 1,9 x 21,3 cm

In una situazione di autodifesa, un calcio ben assestato può salvarvi la vita. In una gara, può essere la chiave della vittoria. Questo libro ha un unico scopo: aiutarvi a perfezionare l’abilità nel calciare per poter utilizzare efficacemente l’arma più potente del vostro arsenale. Questa opera di consultazione presenta l’intera serie dei calci di base delle arti marziali. Corredata di foto a colori e diagrammi particolareggiati, è una lettura per tutti i praticanti desiderosi di affinare e ampliare le proprie tecniche.

L'arte della guerra

Autore: Tsu Sun
Editore: Feltrinelli, 3° edizione
Data Pubblicazione: 5 giugno 2013
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 96 pagine
ISBN: 978-8807900525
Peso articolo: 140 g
Dimensioni: 13 x 0,61 x 19,99 cm

“Se conosci il nemico e te stesso di sicuro vincerai” Il modo migliore per essere certi di vincere una guerra è assicurarsi la vittoria ancora prima di iniziare a combattere: questo è il principio fondante dell’Arte della guerra, con ogni probabilità il più antico manuale strategico della storia (VI secolo a.C.). Un obiettivo raggiungibile studiando i punti di forza e di debolezza dell’avversario, mantenendo la consapevolezza dei propri limiti ma anche la fiducia nelle proprie potenzialità, sorprendendo continuamente il nemico. E, prima di ogni altra cosa, controllando le informazioni, perché grazie alla conoscenza il destino della battaglia può davvero essere scritto prima che lo scontro cominci. L’essenzialità del messaggio e l’efficacia del magistero di Sun Tzu hanno fatto dell’Arte della guerra un testo di culto per chiunque voglia raggiungere un obiettivo nella vita o nel lavoro, dal manager al generale, dallo sportivo all’artista.

Hagakure
Il libro segreto dei samurai

Autore: Yamamoto Tsunetomo
Editore: Mondadori
Data Pubblicazione: 16 gennaio 2009
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 204 pagine
ISBN: 978-8804588504
Peso articolo: 259 g
Dimensioni: 12,8 x 2,2 x 19,6 cm

Pubblicato per la prima volta nel 1906, ma composto due secoli prima, Hagakure è una delle opere più famose e controverse tramandateci dalla letteratura giapponese. Esso racchiude l’antica saggezza dei samurai sotto forma di brevi aforismi. L’autore, Yamamoto Tsunetomo, vissuto in un’epoca di pace e di conseguente decadenza della figura del samurai, si chiuse in un monastero buddhista, dove per sette anni ammaestrò all’antico codice d’onore il giovane Tashiro Tsuramoto. L’allievo trascrisse le conversazioni avute con il maestro e le raccolse negli undici volumi che compongono “Hagakure”, preziosa testimonianza di un pensiero complesso e positivo, ben diverso dallo stereotipo del kamikaze votato all’annullamento di sé ancora vivo nell’immaginario occidentale. La scelta di aforismi operata dalle curatrici di questo volume mira a far conoscere al pubblico italiano l’attualità e l’universalità dell’etica samurai, e vuole essere un invito alla riflessione e uno strumento per la ricerca inferiore.

Bushido

Autore: AA.VV.
A cura di:
Panatero Marina / Pecunia Tea
Traduttore: Dozaki Yoko
Editore: Feltrinelli
Data Pubblicazione: 25 settembre 2013
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 192 pagine
ISBN: 978-8807882111
Peso articolo: 200 g
Dimensioni: 13 x 1,22 x 19,99 cm

Nella trasmissione della loro saggezza, i samurai ci insegnano a vivere nel momento presente, a sconfiggere la paura e a non esserne più schiavi. Il maestro Taisen Deshimaru in un suo insegnamento orale disse: “Le possibilità del nostro corpo e della nostra mente sono limitate: è la sorte della condizione umana. Esiste una Via che permetta all’uomo di superare i limiti della propria natura? Di andare oltre se stesso?”. La risposta è il Bushido, la via del guerriero, il cui codice di condotta ha origine nel VII secolo a.C., poi raccolto e accresciuto in diverse fasi storiche a partire dal 1100. Nella vittoria sulla paura della morte, raggiunta attraverso una costante speculazione sulla fine, sull’impermanenza dell’esistenza e sull’importanza di vivere nel momento presente, emergono l’attualità e l’universalità dello spirito samurai. L’apprendimento, la formazione teorica e la filosofia risultano indissolubilmente connesse a forme di insegnamento buddhiste, scintoiste e zen fondate sul rapporto maestro-allievo o a esperienze di vita in cui l’emulazione e la pratica sono incoraggiate e diventano fonte di stimolo a migliorare se stessi. L’unico scopo della vita di un samurai è quello di prepararsi alla guerra. O meglio, alla morte. In questo libro, tradotte dai testi originali, le riflessioni dei più grandi maestri della disciplina.

La grande via del samurai
La filosofia degli antichi guerrieri giapponesi applicata al mondo di oggi

Autore: Ryuichiro Misaki
Editore: Vallardi A.
Data Pubblicazione: 10 ottobre 2019
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 164 pagine
ISBN: 978-8869879531
Peso articolo: 220 g
Dimensioni: 15,4 x 1,4 x 21,4 cm

Bushido («Via del guerriero») è il complesso di antiche norme militari e morali che costituivano il codice di condotta dei guerrieri in Giappone. Si impose intorno al XII secolo insieme allo shōgunato (lo shogun era un generale che governava effettivamente il Paese, mentre l’imperatore si occupava perlopiù delle pratiche di culto); fu poi sistematizzato dal monaco samurai Yamamoto Tsunetomo (1659-1721) e nel 1900 fu fatto conoscere in tutto il mondo dal politico e diplomatico Inazo Nitobe. “La grande via del samurai” riprende e rinnova le fonti della tradizione, che vede le regole dei bushi («guerrieri») ispirarsi alle antiche filosofie cinesi e giapponesi: il buddhismo, lo shintoismo e il confucianesimo. I samurai fondano il loro comportamento sull’esercizio di sette virtù – giustizia, coraggio, compassione, cortesia, sincerità, onore e lealtà – che li hanno resi noti universalmente: ancora oggi il Giappone è considerato da molti «il Paese dei samurai». Nel libro di Ryuichiro Misaki i principi del bushidō rivivono più forti che mai: i valori dei samurai sono fondamentali ancora oggi potendosi applicare con efficacia nella vita e nel lavoro di tutti i giorni per migliorare noi stessi e le nostre relazioni con gli altri. Grazie a questo libro potremo migliorare la nostra vita, il lavoro, il rapporto con gli altri ispirandoci ai valori degli antichi guerrieri. Scopriremo così che la luminosa via del Samurai può essere anche la nostra.

Ju No Kata

Forma della cedevolezza

Jigoro Kano (1860–1938) fondatore del Judo. Ju No Kata

Jigoro Kano (1860–1938) durante una esecuzione di Ju No Kata

Il Ju No Kata (forma della cedevolezza), è uno dei otto kata ufficiali del Kodokan Judo Institute di Tokyo.

Esso fu creato dal Prof. Jigoro Kano nel 1897 circa, e originariamente, definito il kata della ginnastica (Taiso No Kata), comprendeva 10 tecniche. Solamente nel 1907 il kata venne modificato dallo stesso Kano, arrivando all’attuale classificazione con 15 tecniche suddivise in 3 gruppi, prendendo appunto il nome di Ju No Kata.

Il Ju No Kata è caratterizzato da movimenti fluidi e precisi, da azioni di distensione muscolare isometrica e da un’attività aerobica molto intensa. Viene eseguito lentamente, non comporta cadute e quindi può venire utilizzato come ottimo esercizio fisico, inoltre l’esecuzione di questo kata non necessita che tori e uke indossino judogi e quindi può essere eseguito all’aria aperta, in ogni luogo, da persone di ogni sesso ed età; conferisce un perfetto senso dell’equilibrio e un buon controllo dei muscoli.

Si noti che sebbene la sezione femminile del Kodokan, istituita ufficialmente nel 1926, abbia sempre posto particolare enfasi sullo studio del Ju No Kata, è del tutto falsa l’opinione per la quale tale kata sia a uso esclusivo delle donne.
È pur vero che sin da subito il fondatore del Judo non aveva una propria metodologia per insegnare alle donne. Assieme al proprio allievo Tomita perfezionò quindi uno specifico programma partendo proprio dall’insegnamento del Ju No Kata che permetteva un’introduzione graduale al judo, onde non spaventare le praticanti prima di aver raggiunto un grado e un’esperienza tali da potersi cimentare in tecniche più complesse.

Questo kata propone lo studio dell’alternanza tra yin e yang, ossia tra la “energia nascosta o passiva” e la “energia visibile o attiva”.

Illustri maestri del Ju No Kata sono: Masako Noritomi, Keiko Fukuda, Katsuko Umezo e Sumiko Akiyama.

Composizione del Ju No Kata

Gruppo I: Ikkyo

  • Tsuki dashi (trafiggere con la mano)
  • Kata oshi (spingere la spalla)
  • Ryote dori (presa ai polsi)
  • Kata mawashi (far girare le spalle)
  • Ago oshi (spingere il mento)

Gruppo II: Dai Nikkyo

  • Kiri oroshi (tagliare dall’alto)
  • Ryokata oshi (spingere entrambe le spalle)
  • Naname uchi (colpire in diagonale)
  • Kata te dori (prendere una mano)
  • Kata te age (alzare una mano)

Gruppo III: Sankyo

  • Obi tori (afferrare la cintura)
  • Mune oshi (spinta sul petto)
  • Tsuki age (pugno al mento dal basso verso l’alto)
  • Uchi oroshi (colpo dall’alto verso il basso)
  • Ryogan tsuki (dita negli occhi)

Ju No Kata – Video didattico del Kodokan di Tokyo – T. Ogata 6° Dan (Tori) – M. Samejima 6° Dan (Uke)

World Judo Kata Championships 2013 (Kyoto – JPN) – Etsuko Yokoyama (Tori) e Chigusa Omori (Uke) vincono il loro sesto titolo consecutivo nel Ju No Kata

Raro video che riprende un esecuzione del Ju No Kata precedente al 1940.  Tori potrebbe essere il Maestro Isogai Hajime, ma non ci sono conferme di questo.

World Judo Kata Championships 2008 (Paris – FRA) – Ilaria Sozzi (Tori) e Marta Frittoli (Uke) seconde classificate nel Ju No Kata

Cronologia della storia delle arti marziali

Dal 1959 al 1980 (Parte 5/6)

1959
Aikido Giappone

Viene pubblicato il primo numero di The Aikido, bollettino ufficiale in lingua inglese dell'Hombu Dojo.

Taekwondo Corea del Sud
Taekwondo Book 1959

Il Generale Choi pubblica il primo testo coreano sul taekwondo che diventa modello di riferimento per l'edizione del 1965.

Taekwondo Estremo Oriente

Il taekwondo si estende oltre i suoi confini nazionali. Il padre del taekwondo e 19 delle sue migliori cinture nere fecero un tour nell'Estremo Oriente.

1960
Karate Unione Sovietica

Il karate si fa strada verso l'Unione Sovietica ed è vietato più volte nel corso dei prossimi tre decenni.

Aikido Giappone
Shiju Hosho

Il fondatore Morihei Ueshiba, riceve l'onoreficenza Shiju Hosho (Medaglia d'Onore) dal Governo Giapponese.

Nella foto: medaglia con nastro viola. Venne conferita per la prima volta nel 1955. Essa viene concessa a quanti abbiano contribuito allo sviluppo accademico e artistico del paese, oltre che all'industria e al commercio.

Aikido Giappone

Morihei Ueshiba fa una dimostrazione intitolata "l'essenza dell'aikido". Questo periodo per il fondatore dell'aikido divenne sempre più spirituale piuttosto che tecnico.

Taekwondo USA
Jhoon Goo Rhee il padre del taekwondo americano

Il Generale Choi Hong-hi intervenne al Modern Weapon Familiarization Course in Texas, seguito dalla visita a San Antonio, dove Choi persuase gli studenti e il Maestro a utilizzare il nome taekwondo anziché karate. Così, diventando il primo istruttore di taekwondo in America, Jhoon Rhee (1932-2018) (nella foto) è conosciuto come il "Padre del taekwondo americano".

1961
Aikido USA
Morihei Ueshiba

Il 27 febbraio, il Maestro Ueshiba, accompagnato da Koichi Tohei e Nobuyoshi Tamura, va nelle Hawaii negli Stati Uniti, invitato all'inaugurazione della Honolulu Aikikai. Appare in un documento televisivo della NHK.

Aikido Giappone

La All-Japan Student Aikido Federation viene stabilita con Morihei Ueshiba presidente.

Capoeira Brasile

La capoeira è presentata come una pratica di combattimento efficace per l'Accademia di Polizia di Guanabara, a Rio de Janeiro.

Judo Italia

Per la prima volta il Campionato Europeo si disputa in Italia, a Milano.

Taekwondo Corea del Sud

Choi prende il comando di uno dei più grandi centri di addestramento in Corea, il Sesto Corpo dell'Esercito.

Taekwondo Corea del Sud

Choi rende il taekwondo obbligatorio per le intere forze della polizia della Corea del Sud.

1962
Aikido Giappone

Per celebrare i 60 anni di pratica marziale di Morihei Ueshiba si tenne un grande Festival dell'Aiki nel tempio.

Karate Italia

Si forma un nucleo di praticanti nel Lazio che fa a capo ad Augusto Basile, che ha imparato il karate in modo un po' avventuroso, seguendo il Maestro Hiroo Mochizuki in giro per l'Europa.

Taekwondo Corea del Sud

Il governo della Corea del Sud si schiera con la Korea Taekwondo Association (KTA), determinando l'integrazione di molti artisti marziali in essa. Il nome taekwondo venne accettato dalla maggioranza del popolo coreano, e iniziò la sua espansione internazionale.

Taekwondo Malesia

Choi fu nominato ambasciatore in Malesia, dove sparse i primi semi del taekwondo.

1963
Karate Okinawa

La famiglia del Maestro Chojun Miyagi nomina ufficialmente il Maestro Meitoku Yagi diretto successore di Okinawa Goju-ryu.

Karate Italia
Fassi Roberto

Uno studente milanese, Roberto Fassi (1935-2014), che pratica judo al Jigoro Kano di Milano, si reca in Francia agli stage di Henry Plée e diventa 1° kyu; incomincia a insegnare karate al Jigoro Kano, lezioni basate più sulla durezza e la resistenza che sullo stile, ancora approssimativo.
Fassi sentiva la necessità di un aiuto consistente da parte di un maestro di esperienza, tant'è che invitava spesso i Maestri Nanbu e Chouk per tenere degli stage.

Aikido Giappone

In ottobre si tiene, a Hibiya Kokaido, per la prima volta una dimostrazione della All Japan Aikido.

Taekwondo Malesia

Fu formata la Taekwondo Association of Malaysia e raggiunse l'approvazione nazionale quando l'arte fu dimostrata al Markeda Stadium su richiesta del Primo Ministro, Tunku Abdul Rhaman.

Taekwondo USA

Avviene la famosa dimostrazione allo United Nation di New York.

Taekwondo Vietnam
Nam Tae Hi il padre del taekwondo vietnamita

Il taekwondo viene introdotto alle Forze Armate in Vietnam sotto l'insegnamento del Maggiore Nam Tae-hi (1929-2013), che da allora è riconosciuto come il "Padre del taekwondo vietnamita".

Karate Francia

Il 15 dicembre nasce la European Karate Union (EKU).

1964
Judo Giappone

Il judo viene ammesso provvisoriamente ai Giochi Olimpici di Tokyo (soltanto tre categorie maschili: -68 kg; -80 kg; +80 kg; Open).

Judo Italia

Muore il "padre del judo italiano", Carlo Oletti.

Aikido Giappone

O-Sensei riceve, come fondatore dell'aikido, l'Ordine del Sole Nascente, 4° Classe, un premio speciale dall'Imperatore Hirohito.

Karate Italia
Masaru Miura

A Torino arriva il Maestro Masaru Miura della JKA (Shotokan). Fonderà in seguito una propria federazione.

Taekwondo Singapore

A febbraio, fu creata un'associazione di taekwondo a Singapore, e furono gettate le fondamenta per formare le associazioni nel lontano Brunei.

Taekwondo Vietnam

L'Ambasciatore Choi fece un viaggio in Vietnam col solo scopo di un'ulteriore istruzione sul taekwondo perfezionato dopo continui anni di ricerca e dedizione continua.

1965
Karate Italia
Hiroshi Shirai

Fassi scrive in Giappone e chiede un istruttore per l'Italia; nel novembre arrivano a Milano 4 Maestri della JKA: Taiji Kase, Hirokazu Kanazawa, Keinosuke Enoeda e Hiroshi Shirai (in foto). Danno una dimostrazione formidabile nella sala secondaria del Palalido, poi Kase va in Francia, Enoeda in Inghilterra, Kanazawa torna in Giappone e Shirai, allora 5° dan, tre anni prima campione di kumite del Giappone, fonda nel 1966 l'Associazione Italiana Karate (AIK). Tra i primi nomi di spicco Fassi, Falsoni, Abruzzo, Possenti, Parisi e Baleotti.

Taekwondo Corea del Sud

Choi diventa generale a due stelle e viene nominato ambasciatore del governo della Repubblica della Corea. Viaggia in Germania Ovest, Italia, Turchia, Arabia, Malesia e Singapore. Questi viaggi sono significativi perché il taekwondo, per la prima volta nella storia della Corea, viene dichiarato come Arte Marziale Coreana.

Taekwondo Corea del Sud
The Taekwondo Guide

Choi pubblica il primo manuale in lingua inglese, The Taekwondo Guide, edito dalla Daeha Publication Company.

1966
Judo Italia

Il 23 ottobre nella palestra del Kodokan Milano si svolge il primo Campionato Italiano Femminile in cinque categorie.

Karate Francia

Si svolgono a Parigi i primi Campionati Europei di karate.

Taekwondo Corea del Sud
International Taekwondo Federation ITF

A causa di una "politicamente infelice dimostrazione" nella Corea del Nord, Choi Hong-hi perde il sostegno del governo della Corea del Sud e deve rinunciare alla presidenza della Korea Taekwondo Association (KTA). Il 22 marzo 1966 fonda la International Taekwondo Federation (ITF), privata e indipendente, con le adesioni delle associazioni di Vietnam, Malesia, Singapore, Germania dell'Ovest, Stati Uniti d'America, Turchia, Italia, Egitto e Corea.

Karate Italia
Augusto Ceracchini

Un tentativo di unificazione tra le tre maggiori organizzazioni italiane di karate (al centro il KIAI, a Firenze la FIK e a Milano l'AIK) fallisce per disaccordo sulla direzione tecnica. Si uniscono solo la FIK e il KIAI nella nuova FIK, in cui comincia a intervenire il peso politico dell'avvocato Augusto Ceracchini (1926-1978), uomo del judo e del CONI, che riesce a far entrare la FIK nella WUKO, l'organizzazione mondiale che raggruppa allora tutti gli stili e tutte le federazioni (compreso lo shotokan JKA).

1967
Taekwondo Vietnam

Il padre del taekwondo ricevette dal governo del Vietnam la prima medaglia d'onore per il servizio svolto, e fu aiutato a istituire la Fondazione di Taekwondo Corea-Vietnam presieduta dal Generale Tran Van Dog.

Taekwondo USA

Ad agosto Choi fece visita al torneo All American Federation, tenutosi a Chicago, Illinois, dove discusse con gli istruttori dell'espansione, unificazione e della politica delle Associazioni Americane. Questa visita costituì la nascita ufficiale delle Associazioni Americane di Taekwondo, presso Washington D.C., a novembre.

Taekwondo Corea del Sud
Mas Oyama e Choi-Hong-hi

Alla fine dell'anno, il Generale Choi invitò Master Mas Oyama (1923-1994) al quartier generale dell'ITF, a Seul, per continuare il discorso iniziato a Hakone, Giappone, per mezzo del quale Master Oyama avrebbe cambiato le proprie tecniche, sostituendole con quelle del taekwondo.

1968
Aikido Giappone

Viene inaugurato il nuovo Hombu Dojo; in occasione dell'inaugurazione il fondatore Morihei Ueshiba tiene la sua ultima dimostrazione in pubblico.

Aikido Giappone

La città di Tokyo riconosce ufficialmente l'insegnamento dell'aikido.

Taekwondo Francia

Il Generale Choi visitò la Francia, in qualità di capo della delegazione del Governo Coreano, per partecipare al Consul International Sport Military Symposium, tenuto a Parigi. Il taekwondo fu il principale argomento all'ordine del giorno.

Taekwondo Regno Unito

Viene istituita l'Associazione del Regno Unito.

Taekwondo Spagna, Paesi Bassi, Canada, Belgio e India

Choi intraprende un tour con la speranza di diffondere il taekwondo.

1969
Aikido Giappone

Il 15 gennaio durante la Celebrazione del Kagami Biraki, cerimonia commemorativa del nuovo Hombu Dojo, Morihei parlò dell'essenza delle tecniche.

Aikido Giappone
Tomba O'Sensei Morihei Ueshiba

Il 26 aprile alle ore 17:00 il Maestro Morihei Ueshiba muore, all'età di 86 anni, per un cancro al fegato. Le sue ceneri furono sepolte nel tempio di famiglia, il Tempio Kozanji a Tanabe. Le trecce dei capelli vengono conservati nel Tempio dell'Aiki a Iwama, e ad Ayabe nel grande Tempio Kumano e all'Hombu Dojo.

Aikido Giappone

Morihei Ueshiba diventa cittadino onorario di Tanabe e di Iwama e gli viene conferita l'onoreficenza postuma dello Zuihosho.

Aikido Giappone

Kisshomaru Ueshiba diventa Doshu, all'età di 48 anni.

Aikido Giappone
Morihei Ueshiba e Itogawa Hatsu

A giugno muore anche la moglie del Maestro Ueshiba, Hatsu.

Taekwondo Hong Kong

Choi fece un tour per l'Asia sud orientale per valutare di persona la preparazione di ogni paese per il primo torneo asiatico ITF di taekwondo che si tenne a settembre a Hong Kong.

Taekwondo Corea del Sud

Choi intraprese un grande viaggio per il mondo toccando 29 paesi al fine di far visita agli istruttori e raccogliere fotografie per la prima edizione del suo libro di taekwondo.

1970
Karate Giappone
World Union Of Karatedo Organization WUKO

Viene fondata la World Union of Karate-do Organizations (WUKO).

Karate Giappone

Vengono organizzati a Tokyo i primi Campionati del Mondo di Karate.

Karate Italia

All'interno dell'Associazione Italiana Karate (AIK) c'è una crisi determinata dal mancato riconoscimento politico della maggior abilità tecnica degli uomini del Maestro Shirai. C'è una frattura e una componente, con alla testa il Maestro Shirai, fonda la FeSIKa.

Taekwondo Asia Sud Orientale, Canada, Europa, Medio Oriente

Ad agosto, Choi visitò venti paesi nel tour dell'Asia Sud Orientale, il Canada, l'Europa e il Medio Oriente. Choi, naturalmente, tenne seminari per gli istruttori internazionali in ogni paese dove si recasse e aiutò la diffusione e l'unificazione dell'International Taekwondo Federation (ITF) in un'unica forza.

1971
Judo Turchia

Il judo maschile entra nel programma dei Giochi del Mediterraneo.

Taekwondo Malesia

Choi assistette al secondo torneo asiatico ITF, tenuto allo stadio Negara in Malesia, che iniziò con il discorso del primo ministro Tun Abdul Rhajak, e si concluse con la presenza dei sovrani.

Taekwondo Iran

Il Generale Kim Jong-hyun, capo del Dipartimento di Arti Marziali dell'Esercito, chiese a Choi di selezionare alcuni istruttori per l'esercito della Repubblica dell'Iran.

1972
Judo Germania

Escluso nel 1968, a Monaco il judo entra definitivamente nel programma delle Olimpiadi.

Karate Francia

Ai mondiali di Parigi la squadra giapponese, rappresentata per intero dalla JKA di Nakayama, si ritira dalle gare giudicandosi danneggiata da una decisione arbitrale; squalificata, esce dalla WUKO creando un'organizzazione concorrente, la International Amateur Karate Federation (IAKF) con l'appoggio determinante della FeSIKa diretta dal conte Zoja. La IAKF pratica solo Shotokan e ha un'emanazione europea, la EAKF. Da allora, si svolgono sempre due campionati mondiali e due campionati europei contrapposti, con alcune nazioni che partecipano a entrambi e altre (Italia) in cui una federazione gareggia nella WUKO e un'altra nella IAKF.

Taekwondo Bolivia, Dominica, Haiti e Guatemala

Choi si dedica alla diffusione del taekwondo.

Taekwondo Corea del Sud

Il governo sudcoreano, temendo che il taekwondo potesse essere usato contro di esso, si rifiutò di lasciare che la Federazione del Generale Choi insegnasse in Corea del Nord. Il Generale Choi, arrabbiato per il fatto che l'arte marziale fosse trattata come uno strumento politico, andò in esilio volontario e si stabilì in Canada.

Taekwondo Canada

Choi spostò il quartier generale dell'International Taekwondo Federation (ITF), con il consenso unanime dei membri dei paesi aderenti, a Toronto, in Canada, prevedendo di diffondere il taekwondo nei paesi dell'Europa Orientale secondo i progetti definiti anni prima.

1973
Taekwondo Corea del Sud
World Taekwondo Federation WTF

Il 28 maggio 1973, a seguito di insanabili contrasti con il Generale Choi Hong-hi, il presidente della Corea del Sud, Park Chung-hee, ordina a Kim Un-young di fondare la World Taekwondo Federation (WTF). La WTF userà il nome coniato dal Generale Choi, ma molte delle sue regole e procedure saranno diverse.

Taekwondo Europa, Africa, Medio Oriente e Estremo Oriente
Demo Team ITF 1973

Nei mesi di novembre e dicembre, Choi selezionò un Demo Team, una speciale squadra dimostrativa dell'ITF formata da Kong Yung-il, Park Joong-soo, Rhee Ki-ha, Park Sun-jae e Choi Chang-keun, tutti 7° Dan (nella foto). Il Demo Team ITF toccò tredici paesi dall'Europa all'Africa, dal Medio Oriente all'Estremo Oriente, stabilendo nuove filiali ITF in cinque di questi paesi.

1974
Judo Italia
Federazione Itaiana Lotta Pesi Judo (FILPJ)

L'assemblea federale straordinaria mutava il nome della FIAP in Federazione Italiana Lotta Pesi e Judo (FILPJ).

Karate Okinawa

Il Maestro Yagi Meitoku crea Meibu-ken Kata, Fu-kyu Kata Ichi, Fu-kyu Kata Ni. Più tardi, li riunisce in un unico kata che chiama Tenchi-no-kata.

Aikido Giappone

Vengono gettate le basi per l'International Aikido Federation (IAF).

Capoeira Brasile

La capoeira è riconosciuta come sport nazionale brasiliano.

Capoeira Brasile

Il 5 febbraio muore Mestre Bimba.

Taekwondo Canada

Viene organizzato il Primo Campionato Mondiale di Taekwondo organizzato a luglio dall'ITF, a Montreal, con la partecipazione di 23 paesi.

Taekwondo Giamaica, Curacao, Costa Rica, Colombia, Venezuela e Suriname

A novembre e dicembre, Choi Hong-hi, guidò il 4° Demo Team dell'ITF, costituito da 10 dei migliori istruttori al mondo, in Giamaica, Curacao, Costa Rica, Colombia, Venezuela e Suriname.

1975
Aikido Italia

In occasione di un lungo viaggio all'estero del Doshu per organizzare la nascente IAF, appare per la prima volta in pubblico a Roma, all'età di 24 anni, Moriteru Ueshiba, futuro Doshu.

Judo Germania

Si disputa a Monaco il primo Campionato Europeo Femminile.

Taekwondo Australia

Il taekwondo ebbe il privilegio di esibirsi al Teatro dell'Opera di Sidney, per la prima volta da quando fu aperto.

Taekwondo Olanda

Nel novembre Choi andò in Olanda per dichiarare l'apertura del Primo Campionato Europeo ITF, tenuto ad Amsterdam.

Taekwondo Grecia e Svezia

Nella parte finale dell'anno, il Generale Choi visitò la Grecia e la Svezia per condurre alcuni seminari.

1976
Aikido Giappone
International Aikido Federation IAF

Si tiene a Tokyo il primo congresso dell'International Aikido Federation (IAF) con la partecipazione di oltre 400 delegati da 29 nazioni.
Il Doshu viene nominato presidente a vita.

Aikido Giappone

Moriteru Ueshiba si laurea in economia presso la Meiji Gakuin University.

Judo Canada
Felice Mariani

All'Olimpiade di Montreal, Felice Mariani, bronzo nella categoria fino a 63 kg., vince la prima medaglia olimpica dell'Italia nel judo.

Taekwondo Iran, Malesia, Indonesia ed Europa

A metà anno Choi girò per l'Iran, Malesia, Indonesia ed Europa per ispezionare le attività del taekwondo, e allo stesso tempo sosteneva seminari.

1977
Taekwondo Malesia, Nuova Zelanda e Australia

Il Generale visitò la Malesia, la Nuova Zelanda e l'Australia.

Taekwondo Giappone
Park Chung-hee

Choi Hong-hi partecipò all'incontro a Tokyo nel quale accusò pubblicamente il presidente Sud Coreano Park Chung-hee (1917-1979) di usare il taekwondo per i suoi fini politici.

Taekwondo Svezia e Danimarca

Choi visitò la Svezia e la Danimarca per assistere alla formazione dell'Associazione Nazionale di Taekwondo.

1978
Taekwondo Malesia, Pakistan, Kenya e Sud Africa
Rhee Ki-ha il padre del taekwondo britannico

Il Generale Choi viaggiò in Malesia, Pakistan, Kenya e Sud Africa, accompagnato da Rhee Ki-ha (nella foto).

Taekwondo Svezia, Polonia, Ungheria e Jugoslavia

In quest'anno costituì il 5° Demo Team dell'ITF, costituito da Choi Chang-keun, Rhee Ki-ha, Park Jung-tae e Liong Wai-meng, con il quale si recò in Svezia, Polonia, Ungheria e Jugoslavia.

Taekwondo USA

A settembre dello stesso anno a Oklahoma City, USA, si tenne il secondo Campionato Mondiale ITF di taekwondo.

Karate Italia

Alla fine del 1978 la FeSIKa e la FIK si scioglievano dando vita a una nuova organizzazione con la direzione tecnica congiunta di Basile e Shirai, poi sostituito da De Michelis: la Federazione Italiana Karate e Discipline Associate (FIKDA).

1979
Aikido Giappone

Il 9 giugno, in occasione del 10° anniversario della morte di O'Sensei, durante il 17° Embukai Nazionale di Aikido, per la prima volta Waka Sensei Moriteru Ueshiba dimostra la sua tecnica.

Capoeira Europa

Mestre Canela lascia il Brasile alla volta dell'Europa insieme a Mestre Zè-Maria e altri artisti dell'arte e cultura brasiliana.

Capoeira Brasile

Mestre Pastinha viene colpito da un edema cerebrale.

Taekwondo Svezia, Danimarca, Germania Ovest, Francia e Grecia

Il Generale Choi visitò la Svezia, Danimarca, Germania Ovest, Francia e Grecia, accompagnato da Khang Su-jong e Rhee Ki-ha.

1980
Judo USA
Margherita De Cal

Margherita de Cal, 72 kg., vince il 1° Campionato Mondiale Femminile disputato a New York, USA.

Judo Unione Sovietica
Ezio Gamba

All'Olimpiade di Mosca, Ezio Gamba vince nella categoria fino a 71 kg., la prima medaglia d'oro olimpica dell'Italia nel judo.

Taekwondo Corea del Nord

Choi e 15 dei suoi allievi, compreso suo figlio Choi Jung-hwa, fecero un viaggio colossale presso la Democratic People's Republic of Korea (Repubblica Democratica Popolare Coreana). Questa fu la prima volta che il taekwondo fu presentato alla popolazione della Corea del Nord, il paese di nascita del Generale Choi.

Taekwondo Inghilterra

Nel novembre dello stesso anno, a Londra si tenne il primo Campionato Europeo di Taekwondo della AETF (All Europe Taekwondo Championships), con 18 paesi partecipanti.

Cronologia della storia delle arti marziali

Dal 1981 a Oggi (Parte 6/6)

1981
Aikido Giappone

Celebrazione del 50° anniversario dall'inaugurazione dell'Hombu Dojo.

Capoeira Brasile

Il 12 aprile, all'età di 92 anni compiuti, Mestre Pastinha gioca la sua ultima roda. Pochi mesi più tardi, il 13 novembre, muore abbandonato in un ospizio municipale.

Taekwondo Giappone

A giugno Choi istituì l'8° Demo Team ITF, formato per il viaggio di Tokyo, Giappone.

Aikido Giappone
Mitsuteru Ueshiba
Mitsuteru Ueshiba figlio di Moriteru Ueshiba

Il 27 giugno nasce Mitsuteru Ueshiba, figlio di Moriteru Ueshiba.

Taekwondo Argentina

Ad agosto, il presidente Choi si recò in Argentina per aprire il 3° Campionato del Mondo ITF, tenuto a Resistancia, Chaco.

Taekwondo Corea del Nord

A ottobre, il Generale Choi Hong-hi tenne un seminario per i membri fondatori del taekwondo nella DPR della Corea.

Taekwondo Austria

A novembre a Vienna, Austria, nello storico incontro noto come "North an Overseas Korean Christian Leaders" annunciò orgogliosamente il Demo Team ITF composto da istruttori della Corea del Nord e del Sud.

1982
Judo Giappone

In occasione del 100° anniversario della sua fondazione il Kodokan rivede il Go-kyo reintroducendo le otto tecniche escluse nel 1920 e inserendo 17 nuove tecniche. Queste 65 tecniche saranno riconosciute come "le 65 tecniche del Kodokan Judo".

Karate Giappone

Il 29 gennaio muore il Maestro Hironori Otsuka.

Capoeira Italia

Mestre Canela si stabilisce a Viterbo e fonda il gruppo di capoeira Mangangà. Inizia la divulgazione della capoeira in Italia.

Taekwondo Canada

Il presidente dell'International Taekwondo Federation, Choi Hong-hi, istituì la North America Taekwondo Federation, a Toronto, Canada.

Taekwondo Canada

Choi assiste al 1° Campionato Intercontinentale ITF di taekwondo, tenuto in Quebec, Canada.

Taekwondo Giappone

Choi realizzò un suo vecchio sogno (dal 1967), quando aprì la prima palestra di taekwondo in Giappone sotto l'auspicio del patriota Chon Jin-shik.

Taekwondo Porto Rico
Park Jung-tae

A luglio, Choi, accompagnato dal Maestro Park Jung-tae (1943-2002) (in foto), visita Porto Rico per svolgere dei seminari.

Taekwondo Groenlandia, Regno Unito, Germania Ovest, Austria, Danimarca, Polonia, Ungheria, Jugoslavia, Cecoslovacchia e Finlandia

Nei mesi di ottobre e novembre, Choi Hong-hi, girò per Groenlandia, Regno Unito, Germania Ovest, Austria, Danimarca, Polonia, Ungheria, Jugoslavia, Cecoslovacchia e Finlandia, accompagnato dai Maestri Han Sam-soo, Park Jung-tae e Choi Jung-hwa, al fine di promuovere il taekwondo.

Taekwondo Ungheria

A ottobre, il Generale Choi Hong-hi, insieme a Mr. Csanadi, incontrarono a Budapest il dirigente del consiglio di programmazione del Comitato Olimpico, al fine di discutere in merito al riconoscimento del taekwondo dal Comitato Olimpico.

Taekwondo Italia

A novembre il Generale Choi Hong-hi assiste al secondo Campionato Europeo AEFT tenuto a Napoli, Italia.

Aikido Italia

A novembre, primo viaggio ufficiale in Europa di Waka Sensei Moriteru Ueshiba. Si reca a Roma dove tiene un raduno presso il Dojo Centrale, e a Mantova.

1983
Taekwondo USA

A gennaio, il Generale Choi fa visita in Colorado, USA, accompagnato dal Maestro Lee Suk-hi, VII Dan e presidente della North America Federation.

Taekwondo Argentina, Colombia, Panama e Honduras

A febbraio, Choi si reca nell'America Latina, comprendendo Argentina, Colombia, Panama e Honduras per condurre nuovi seminari. Durante il soggiorno in Honduras contribuì alla formazione della Central America Taekwondo Federation.

Taekwondo USA, Europa, Corea del Nord

Nei mesi di marzo, aprile e maggio Choi Hong-hi visita Santa Barbara, California, Europa e DPR della Corea, per curare le ultime fasi della pubblicazione dell'Enciclopedia del Taekwondo, l'ultimo prodotto della sua vita di ricercatore.

Taekwondo Jugoslavia e Italia

A ottobre e novembre il Generale Choi visita la Jugoslavia e l'Italia, accompagnato da Park Jung-tae e Choi Jung-hwa, per preparare alcune fotografie da inserire nell'enciclopedia.

1984
Judo Austria
Maria Teresa Motta

L'italiana Maria Teresa Motta, +72 kg., vince il Campionato Mondiale disputato a Vienna.

Taekwondo Scozia

Ad aprile, il presidente Choi apre il 4° Campionato Mondiale ITF, tenuto a Glasgow, Scozia.

Taekwondo Svizzera
Juan Antonio Samaranch

Sempre ad aprile, il Generale Choi si reca a Losanna dal Signor Juan Antonio Samaranch (1920-2010), presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), accompagnato dai Maestri Rhee Ki-ha, Charles Sereff e Kim Young-kyu, per provare che solo l'International Taekwondo Federation fosse l'organo di disciplina mondiale per il taekwondo.

Taekwondo Corea del Nord

A settembre, Choi invita a Pyongyang istruttori chiave come Lee Suk-hi, Rhee Ki-ha, Park Jung-tae e Choi Jung-hwa per ultimare la pubblicazione dell'Enciclopedia, e fu discusso anche sul trasferimento dell'ITF a Vienna, Austria.

Taekwondo Ungheria

A ottobre, il presidente Choi effettua una visita ufficiale a Budapest, Ungheria, per aprire il 3° Campionato Europeo AETF. Fu un momento molto particolare poiché era la prima volta che un evento tanto importante veniva organizzato in un paese socialista.

Taekwondo Austria

Il 5 dicembre fu tenuto a Vienna, Austria, il congresso dell'ITF, dove fu deciso unanimemente di riportare a Vienna la sede dell'ITF entro marzo dell'anno successivo. Inoltre al congresso, Choi Hong-hi fu eletto nuovamente presidente, il Maestro Rhee Ki-ha e il Maestro Lee Suk-hi  furono eletti vice presidenti, e il Maestro Park Jung-tae votato come segretario generale.

Taekwondo USA

A dicembre, il Generale Choi si recò a New York City insieme al Maestro Lee Suk-hi e al Maestro Park Jung-tae per aprire la 3ª General Choi's Cup, nel Nord America.

1985
Taekwondo Austria

Il 1985 fu uno degli anni più significativi per il fondatore del taekwondo Choi Hong-hi. Egli fu capace di raccogliere e documentare tutte le tecniche studiate per anni e pubblicarle nell'Enciclopedia del Taekwondo. Fu inoltre capace di gettare delle forti fondamenta per la diffusione all'intero mondo della sua arte marziale, specialmente nei paesi socialisti e del Terzo Mondo, grazie al trasferimento della sede dell'ITF a Vienna, Austria.

Taekwondo Porto Rico

Ad aprile il presidente Choi, accompagnato da Tran Tien-quan, il presidente della Canadian Taekwondo Federation, si reca a Porto Rico per far visita a James Limand Kim Suk-jun per assistere alla 1ª Latin America General Choi's Cup.

Taekwondo Germania Est

A giugno, Choi visita Berlino Est per partecipare alla cerimonia d'apertura del 24° Congresso Olimpico.

Taekwondo Norvegia

A novembre, il Generale Choi, accompagnato dal segretario generale Maestro Park Jung-tae e da Tran Tien-quan, visita la Norvegia per onorare l'apertura del Campionato Scandinavo.

Taekwondo Canada

A dicembre in Quebec, Canada, sotto il patrocinio della Federazione Canadese, furono festeggiati in varie occasioni i 30 anni del taekwondo.

1986
Judo Italia
Campionati Mondiali Under21 di Judo 1986 (Roma)

Si disputa al Palaeur di Roma il Campionato Mondiale Juniores.

Taekwondo Cina

A giugno, il fondatore Choi, portò il Demo Team ITF nella Repubblica Popolare Cinese. Questa visita mosse il popolo cinese a praticare il taekwondo.

1987
Taekwondo Grecia

Nel mese di maggio, il Generale Choi Hong-hi, dimostrò ancora una volta al mondo del taekwondo lo spirito indomito e la perseveranza annunciando il 5° Campionato Mondiale ITF ad Atene in Grecia malgrado le persistenti interferenze del regime dittatoriale della Corea del Sud.

Taekwondo Cina

A dicembre, il presidente Choi concepì la Promotion and Popularization Foundation of ITF (Fondazione per la Promozione e Divulgazione dell'ITF), avviata grazie all'apporto di Chon Yon-suk, fratello maggiore del vice presidente Chon Jin-shik.

1988
Judo Corea del Sud

Le categorie femminili di judo vengono ammesse ai Giochi Olimpici di Seoul (solo come sport dimostrativo).
Alessandra Giungi conquista la medaglia di bronzo per l'Italia nella categoria fino a 52 kg.

Taekwondo Corea del Sud

Il taekwondo viene inserito come sport dimostrativo ai Giochi Olimpici di Seul.

Taekwondo Ungheria

Nel mese di maggio, il governo ungherese ha ospitato il 6° Campionato del Mondo ITF a Budapest. Per la prima volta diffuso via satellite in tutta Europa.

Taekwondo Unione Sovietica

Ad agosto, il padre del taekwondo, Choi, fu in grado di realizzare il suo ultimo sogno, diffondere e insegnare la propria arte senza tener conto di religioni, razze, confini nazionali o ideologici, conducendo la squadra dimostrativa dell'ITF a Mosca, USSR. Con questa mossa ha completato il capitolo finale nel suo tentativo di vedere la sua amata arte su tutti e quattro gli angoli del mondo.

1989
Karate Unione Sovietica

Il karate è legalizzato ancora una volta in Unione Sovietica.

Judo Jugoslavia
Emanuela Pierantozzi

L'italiana Emanuela Pierantozzi vince il Campionato Mondiale a Belgrado.

Karate USA

L'11 luglio muore il Maestro Robert A. Trias.

1990
Judo Italia
PalaFIJLKAM

In Italia il 25 aprile si inaugura il Palazzetto FILPJ di Ostia, Roma.

Karate Italia

In Italia la convivenza tra le due componenti (tradizionalista e sportiva) finisce quando, scontenti della conduzione tecnica del Maestro Aschieri che non lasciava alcuno spazio alla loro visione del karate, i tradizionalisti uscivano (definitivamente?) dalla Fitak dando vita alla Federazione Italiana Karate Tradizionale (Fikta) sempre diretta dal Mestro Shirai.

Karate Spagna
World Karate Federation WKF

I membri della World Union of Karate-do Organizations (WUKO) fondano la World Karate Federation (WKF). Si tratta del più grande organo di governo internazionale del karate con oltre 130 paesi membri ed è l'unica riconosciuta dal Comitato Olimpico (CIO) e ha più di dieci milioni di membri.

1991
Aikido Giappone

Vengono celebrati il 50° anniversario della fondazione dell'Aikikai e il 60° della fondazione dell'Hombu Dojo.

Judo Spagna
Alessandra Giungi

Per l'Italia, Alessandra Giungi (in foto) ed Emanuela Pierantozzi, vincono il Campionato Mondiale a Barcellona.

1992
Judo Spagna

Le categorie femminili di judo vengono ammesse definitivamente ai Giochi Olimpici di Barcellona.
L'italiana Emanuela Pierantozzi vince la medaglia d'argento nei 66 kg.

Judo Italia

Italia il 18 dicembre, a Ostia (Roma), s'inaugura il Centro di Preparazione Olimpica della FILPJ.

Karate Okinawa
Castello Shuri

I grandi Maestri di Okinawa eseguono una dimostrazione in occasione della ricostruzione del Castello di Shuri, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale.

1993
Karate Francia

Il karate entra nel programma dei Giochi del Mediterraneo.

1995
Capoeira Brasile
Dia de Zumbi

Il 24 novembre il Brasile commemora i 300 anni dalla morte di Re Zumbì, leader del Quilombo dos Palmares, con l'organizzazione di una grande marcia a Brasilia contro il razzismo, alla quale prendono parte 30000 afro-brasiliani.

Karate Italia
Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate FILPJK

In Italia il karate, già disciplina associata, entra a far parte della FILPJ che assume, pertanto, la denominazione di Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate (FILPJK).

1996
Aikido Giappone

Moriteru Ueshiba assume la carica di Dojocho (direttore / proprietario) dell'Aikikai Hombu Dojo.

Judo USA
Girolamo Giovinazzo

Ai Giochi Olimpici di Atlanta sono due le medaglie conquistate dall'Italia nel judo: l'argento di Girolamo Giovinazzo (nella foto) nei 60 kg. e il bronzo di Ylenia Scapin nei 72 kg.

1997
Judo Giappone

Il Kodokan aggiunge due ulteriori tecniche.

Judo Italia

Il judo femminile entra nel programma dei Giochi del Mediterraneo.

Aikido Irlanda

Moriteru Ueshiba visita l'Irlanda.

1999
Aikido Giappone

Il 4 gennaio scompare Kisshomaru Ueshiba, dopo 30 anni alla guida dell'Aikikai.

Aikido Giappone

All'età di 48 anni, dopo 24 anni dalla sua prima apparizione in pubblico, Moriteru Ueshiba diviene il terzo Doshu.

2000
Judo Australia
Giuseppe Maddaloni

All'Olimpiade di Sidney, Giuseppe Maddaloni vince nella categoria 73 kg., la seconda medaglia d'oro olimpica dell'Italia nel judo.
Grande successo per la Federazione, che oltre all'oro di Maddaloni conquista anche tre bronzi con Girolamo Giovinazzo (66 kg.), Ylenia Scapin (70 kg.) ed Emanuela Pierantozzi (78 kg.).

Taekwondo USA

Il fondatore del taekwondo, Choi Hong-hi, fu dichiarato dalla rivista Taekwondo Times come l'artista marziale più influente del secolo.

Taekwondo Australia

Con i giochi olimpici di Sidney, il taekwondo WTF è diventato uno dei due soli sport da combattimento asiatici (l'altro è il judo) incluso nel programma dei Giochi Olimpici.

2002
Italia

La Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM) celebra il centenario della sua fondazione.

Taekwondo Corea del Nord
Tomba Choi Hong-hi

Il padre fondatore del taekwondo, Choi Hong-hi, muore all'età di 83 anni, il 15 giugno 2002 alle 20.35 a Pyongyang, in Corea del Nord per un tumore allo stomaco. Il suo corpo riposa nel cimitero dei Patriottici Martiri di Pyongyang.
Choi è elencato nel taekwondo hall of fame con vari titoli: "padre del taekwondo", "fondatore e primo presidente dell'International Taekwondo Federation (ITF)", "fondatore di Oh Do Kwan". Il giorno della sua morte Choi lascia sua moglie Choi Joon-he, suo figlio Choi Jung-hwa, due figlie Sunny e Meeyun, e diversi nipoti.

Taekwondo

Dopo la morte del Generale Choi Hong-hi, la ITF si frammentò in tre organismi indipendenti, uno che ereditava l'organico storico con a capo il Maestro Tran Trieu Quand, uno con a capo il figlio del Generale, Choi Jung-hwa e un altro ancora con a capo Chang Ung, un allenatore di pallacanestro nordcoreano.

2003
Karate Okinawa

Il 7 febbraio muore il Maestro Meitoku Yagi.

Francia

Il 30 maggio in Aix-en-Provence, muore all'età di 96 anni il Maestro Minoru Mochizuki.

2004
Judo Grecia

All'Olimpiade di Atene, Lucia Morico conquista per l'Italia il bronzo nei 78 kg.

2005
Karate Singapore

Nella 117ª sessione del CIO (luglio 2005) tenutasi a Singapore, nella votazione per determinare se diventare sport olimpico, più della metà dei voti fu favorevole, ma era necessario il raggiungimento di almeno i due terzi dei votanti.

2006
Aikido Australia

In occasione del 40° anniversario dell'Aikikai Australia, Moriteru Ueshiba visita e insegna in Australia.

2008
Judo Cina
Giulia Quintavalle

All'Olimpiade di Pechino, Giulia Quintavalle vince la prima medaglia d'oro olimpica femminile dell'Italia nel judo (57 kg.).

2009
Taekwondo Corea del Sud

Il Governo della Corea del Sud ha pubblicato una stima secondo cui il taekwondo WTF è praticato in 190 paesi, con oltre 70 milioni di praticanti nel mondo.

2010
Aikido

Dirige i suoi primi seminari all'estero Mitsuteru Ueshiba, Waka Sensei, designato  per divenire il quarto Doshu.

Taekwondo India

Il taekwondo viene accettato come sport nei XIX Giochi del Commonwealth di Delhi.

2011
Aikido Giappone

A partire dal 1° Aprile 2011 il quadro degli insegnanti titolari dell'Hombu Dojo comprenderà anche Mitsuteru Ueshiba.
Mitsuteru Ueshiba, 31 anni, è il figlio del terzo Doshu e attuale guida dell'Aikikai, Moriteru Ueshiba. Seguendo il sistema tradizionale di successione, ci si aspetta che Mitsuteru Ueshiba succeda al padre Moriteru come Doshu, diventando così la quarta guida dell'aikido dopo Morihei Ueshiba, Kisshomaru Ueshiba e Moriteru Ueshiba.

2012
Judo Inghilterra
Rosalba Forciniti

Ai Giochi di Londra, arriva per l'Italia il bronzo di Rosalba Forciniti nei 52 kg.

Italia

In Italia il 27 novembre s'inaugura al Centro Olimpico il Museo degli Sport di Combattimento e la nuova Palazzina Direzionale Multifunzionale.

2014
Capoeira Brasile

Il 26 novembre la Roda di Capoeira è stata iscritta all'Unesco (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità. L'Unesco ha riconosciuto nella capoeira una celebrazione che nasce dalla resistenza contro ogni forma di oppressione. La roda è uno spazio rituale che fornisce un senso di compagnia e d'identità di una comunità in continua espansione in Brasile e altrove. L'idea è quella che la capoeira deve diventare un mezzo di resistenza e promuovere il dialogo tra diverse etnie, classi sociali e nazionalità.

2016
Judo Brasile
Fabio Basile

Alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, Fabio Basile vince la terza medaglia d'oro olimpica maschile per l'Italia nel judo (66 kg.).
Nelle categorie femminili arriva invece l'argento con Odette Giuffrida (52 kg.).

Karate Brasile

Nella 129ª sessione del CIO svolta a Rio de Janeiro (Brasile), viene inserito il karate come uno dei cinque sport in prova per le Olimpiadi di Tokyo.

2017
Taekwondo Corea del Sud
World Taekwondo WT

La World Taekwondo Federation (WTF) cambia il proprio nome in World Taekwondo (WT) per via dell'acronimo troppo spesso oggetto di confusione con il gergo "WTF" diffuso nel web.

2019
Karate Francia

Viene data la notizia che il karate è ufficialmente escluso dalle Olimpiadi di Parigi 2004.