Home » Judo » Judo Timeline

Judo Timeline

Cronologia della storia del judo kodokan

1860 Il 28 ottobre a Mikage, nella prefettura di Hyogo, vicino a Kobe, in Giappone, nasce il Maestro Jigoro Kano fondatore del Judo Kodokan.
1871 Jigoro Kano si trasferisce a Tokyo con la famiglia.
1877
Kuchiki-taoshi - judo timeline

Un’antica illustrazione della tecnica kuchiki-taoshi della Tenshin Shin’yo-ryu. Tale tecnica esiste senza sostanziali differenze anche nel judo.

Kano inizia lo studio del jujutsu alla Tenshin Shin’yo-ryu sotto la guida del Maestro Fukuda Hachinosuke.

1881 Kano si laurea all’Università di Tokyo.
Inizia lo studio alla Kito-ryu con il Maestro Iikubo Tsunetoshi.
1882
Tempio di Eisho - cronologia judo

L’ingresso del tempio di Eisho, prima sede del judo kodokan

Il 5 giugno, è ufficialmente considerata la data della fondazione del Kodokan, con l’apertura della prima sede in Eisho-ji, con solo 12 tatami e 9 allievi, nel quartiere Shimoya di Tokyo.

Jigoro Kano - judo timeline

Jigoro Kano (1860-1938), all’età di 22 anni

Jigoro Kano insegna al liceo Gakushuin (Scuola del Pari).

Viaggia in Europa per studiare i metodi scolastici.
1883 A febbraio il Kodokan è costretto a trasferirsi, e impianta la sua sede provvisoria in Jimbocho, Kanda, fruendo di soli 10 tatami.
In seguito il Sig. Shinagawa mette a disposizione del Maestro Jigoro Kano una parte della sua abitazione, in Kojimachi, in cui trovano posto 40 tatami.
1885
Gunji Koizumi - cronologia judo

Gunji Koizumi (1885–1965), 8° dan

L’8 luglio nel villaggio di Kamatsuka Oaza, nella Prefettura di Ibaraki nasce il Maestro Gunji Koizumi, considerato il “Padre del Judo Britannico”.

1886 Dopo la vittoria in un torneo, viene sancita la supremazia, non solo morale ma anche tecnica, del Kodokan sulle altre scuole di jujutsu.
Prime elaborazioni di kata da parte del Maestro Jigoro Kano con le “forme delle proiezioni” nage-no-kata e del “combattimento reale” kime-no-kata.
Carlo Oletti - judo timeline

Carlo Oletti (1886-1964)

Nasce a Torino, Carlo Oletti, considerato il “Padre del Judo Italiano”.

1890 Ad aprile il Kodokan, con 60 tatami, si stabilisce in Hongo-ku, Nasago-cho.
1891 Jigoro Kano diviene Consigliere del Ministero della Pubblica Istruzione e Preside del 5^ Liceo Nazionale in Kumamoto.
1893 Jigoro Kano diventa dirigente della Sezione Libraria del Ministero, dirigente del 1^ liceo Nazionale e preside della Scuola dei Maestri.
1894 A febbraio la nuova sede del Kodokan in Koishikawa-ku, Shimotomisaka-cho è attrezzata con 107 tatami.
1895 Il Maestro Kano formula il 1° Go-Kyo.
1897 Il Maestro Gunji Koizumi inizia lo studio del kenjutsu.
Il Kodokan, sempre nella sede di Koishikawa-ku, Shimotomisaka-cho si ingrandisce raggiungendo il numero di 207 tatami.
1898 A gennaio, la superficie utile del Kodokan viene portata a 314 tatami dopo il trasferimento a Otsuka Sakashita-cho.
Il Prof. Kano diviene dirigente del Dipartimento Affari del Ministero dell’Educazione.
1900 Viene costituita l’Associazione dei Titolari del Grado Dan del Kodokan.
1901 Il Maestro Gunji Koizumi inizia lo studio del jujutsu alla Tenshin Shin’yo-ryu sotto la guida del Maestro Tago Nobushige.
1902 Jigoro Kano fonda un’associazione per lo scambio di studenti con la Cina (attiva fino al 1909).
1904 Gunji Koizumi si allena sotto la guida del Maestro Yamada Nobukatsu, un ex samurai.
1905 18 Maestri rappresentanti delle principali scuole di jujutsu del Giappone si ritrovano al Butokukai di Tokyo per unirsi al sistema di Kano.
Il Maestro Gunji Koizumi si allena a Singapore sotto la guida del Maestro Tsunejiro Akishima.
1906 Il Maestro Gunji Koizumi arriva in Inghilterra.
1907 Il Maestro Gunji Koizumi arriva a New York (USA).
1909 Il Kodokan diventa Ente Morale.
Il Maestro Kano è membro del C.I.O. diventando il primo membro giapponese.
1910 Il judo è riconosciuto come uno sport che può essere praticato in modo sicuro.
Il Maestro Gunji Koizumi torna in Inghilterra.
1911 Il Prof. Jigoro Kano fonda la Scuola dei Maestri del Kodokan e diviene il primo presidente della Japan Athletic Association.
Il judo viene adottato come sistema educativo del Giappone.
1912 Jigoro Kano accompagna la prima delegazione giapponese partecipante ai Giochi olimpici di Stoccolma.
1918
Budokwai - cronologia judo

L’attuale sede del Budokwai, fondato nel 1918 da Gunji Koizumi.

Fondazione del Budokwai di Londra da parte del Maestro Gunji Koizumi.

1919 Ancora un trasferimento a dicembre, per ingrandire il proprio il dojo che ora misura ben 514 tatami, il Maestro Jigoro Kano sposta la sede del Kodokan a I-chome, Kasuga-cho, Bunkyo-ku.
1920 Jigoro Kano, in viaggio verso Anversa, fa visita al Budokwai del Maestro Gunji Koizumi convincendolo ad inserire il judo fra i programmi d’insegnamento del Budokwai.
Il Maestro Jigoro Kano Presenzia alla VII Olimpiade in Anversa.
1921
Go-kyo - judo timeline

Il Go-kyo tradizionale del Judo Kodokan

Formulazione del 2° Go-Kyo, lo stesso dell’attuale, da parte di Jigoro Kano con l’aiuto dei suoi allievi più esperti e dei maestri delle ultime scuole di jujutsu assorbite dal kodokan.

Nasce il Judo Medical Research Society.
1922 Il judo viene dichiarato completo nei suoi mezzi e nei suoi fini.
Il Kodokan diviene società pubblica.
Fondazione della Società Culturale del Kodokan.
1924 Il 30 marzo viene costituita la Federazione Jiu-Jitsuista Italiana (FJJI) presieduta dal Comm. Antonello Caprino. Il primo articolo del regolamento tecnico federale riconosceva “quale metodo ufficiale di jiu-jitsu, il Metodo Kano.
1° Campionato Italiano di Judo - cronologia judo

I partecipanti al 1° Campionato Italiano di jujitsu/judo con il maestro Oletti (Roma, 1924)

Il 20 e 21 giugno si disputa, a Roma, il Primo Campionato Italiano di Judo.

1926
Jigoro Kano in una sezione di Judo femminile - judo timeline

Jigoro Kano in una sezione di Judo femminile

Viene formalmente aperta la sezione femminile al Kodokan.

1927
Federazione Italiana Lotta Giapponese (FILG) - cronologia judo

Il logo della Federazione Italiana Lotta Giapponese (FILG)

In Italia la Federazione Jiu-Jitsuista Italiana (FJJI) viene trasformata in Federazione Italiana Lotta Giapponese (FILG) sotto la guida del dinamico Giacinto Pugliesi, presidente della “Colombo”.

1928 Il Prof. Jigoro Kano presenzia alla IX Olimpiade in Amsterdam.
1931 In Italia a febbraio la Federazione Italiana Lotta Giapponese (FILG) viene sciolta e la sua attività inquadrata nella Federazione Atletica Italiana (FAI).
1932 Il Prof. Jigoro Kano presenzia alla X Olimpiade di Los Angeles.
1933 Jigoro Kano visita l’Europa per offrire Tokyo come sede per la XII Olimpiade.
1934 Primi campionati del Giappone.
1935
Premio Asahi - judo timeline

Il Premio Asahi è un premio assegnato dal giornale giapponese Asahi Shimbun per il possesso di borse di studio o di arti che hanno dato un contributo alla cultura o alla società. È stato creato nel 1929. Molti destinatari di questo premio sono stati successivamente onorati con un premio Nobel. È considerato uno dei premi più prestigiosi presentati da un’entità non governativa.

Il Maestro Jigoro Kano riceve il premio Asahi per il suo eccezionale contributo all’organizzazione dello sport in Giappone.

1936
Jigoro Kano Olimpiade Berlino - cronologia judo

Jigoro Kano all’Olimpiade di Berlino durante la premiazione di Jesse Owens

Jigoro Kano presenzia alla 11º Olimpiade in Berlino.

1938
Jigoro Kano - judo timeline

Il feretro del Prof. Jigoro Kano avvolto nella bandiera olimpica arriva a Yokohama, dopo la sua morte in mare.

Il 4 maggio il Maestro Jigoro Kano muore a causa di una polmonite, mentre era su un piroscafo di ritorno da un viaggio in Canada.

1948
British Judo Association (BJA) - cronologia judo

Il logo della British Judo Association (BJA)

Viene costituita la British Judo Association (BJA) con il Maestro Gunji Koizumi come Presidente.

European Judo Union (EJU) - judo timeline

Il logo della European Judo Union (EJU)

Su iniziativa del Budokwai del Maestro Gunji Koizumi nasce la European Judo Union (EJU) di cui fu eletto presidente l’inglese Trevor P. Legget, l’unico non giapponese graduato 5° dan.

Il Maestro Gunji Koizumi raggiunge il grado di 6° Dan.
In Italia il 16 e 17 ottobre a Genova durante il III Congresso della Federazione Italiana Atletica Pesante (FAI fino al 1933) viene approvato il nuovo statuto federale, che contemplava tra gli organi centrali il Gruppo Autonomo Lotta Giapponese (trasformato in Gruppo Autonomo del Judo nel 1951).
Si disputa a Lanciano il primo Campionato Italiano Maschile del dopoguerra.
1951
International Judo Federation (IJF) - cronologia judo

Il logo della International Judo Federation (IJF)

Nasce l’International Judo Federation (IJF) con Aldo Torti come presidente.

Il Maestro Gunji Koizumi è graduato 7° Dan.
Il 5 e 6 dicembre al Palais des Sport di Parigi, si disputa la prima edizione dei Campionati Europei di Judo.
1953
Noritomo Ken Otani - judo timeline

Noritomo Ken Otani (1920-2017)

Arriva in Italia il Maestro Noritomo Ken Otani, allora 5° dan che contribuì in maniera decisiva allo sviluppo del judo in Italia.

1956

Si disputano i primi Campionati Mondiali di Judo a Tokyo (Giappone).
Tadashi Koike - cronologia judo

Tadashi Koike (1927-1997) inviato ufficiale del Kodokan, per insegnare e diffondere il vero judo

Arriva in Italia il Maestro Tadashi Koike, che con Noritomo Ken Otani, sarà una figura fondamentale per il judo in Italia.

1957
Nicola Tempesta - judo timeline

Nicola Tempesta, 8° dan, prima medaglia d’oro italiana ai Campionati Europei

Nicola Tempesta vince a Rotterdam il primo titolo europeo dell’Italia.

1958
Kodokan di Tokyo - cronologia judo

L’attuale sede del kodokan di Tokyo

Il 25 marzo, si inaugura il grandioso complesso del più grande “circolo privato” del mondo, il Kodokan trova la sua degna e definitiva sede.

1961 Per la prima volta il Campionato Europeo si disputa in Italia, a Milano.
1964 Il judo viene ammesso provvisoriamente ai Giochi Olimpici di Tokyo (soltanto categorie maschili: 3 categorie + open).
Muore Carlo Oletti.
1965 Il 15 aprile muore suicida il Maestro Gunji Koizumi, 8° Dan.
1966 Il 23 ottobre nella palestra del Kodokan Milano si svolge il primo Campionato Italiano Femminile in 5 categorie.
1971 Il judo maschile entra nel programma dei Giochi del Mediterraneo.
1972 Escluso nel 1968, a Monaco il judo entra definitivamente nel programma delle Olimpiadi.
1974
Federazione Itaiana Lotta Pesi Judo (FILPJ) - judo timeline

Il logo della Federazione Itaiana Lotta Pesi Judo (FILPJ)

In Italia l’Assemblea Federale straordinaria mutava il nome della FIAP in Federazione Italiana Lotta Pesi e Judo (FILPJ).

1975 Si disputa a Monaco il pimo Campionato Europeo Femminile.
1976
Felice Mariani - cronologia judo

Felice Mariani in una fase del torneo olimpico di Montreal 1976.

All’Olimpiade di Montreal, Felice Mariani, bronzo, vince la prima medaglia olimpica dell’Italia nel judo (63 Kg).

1980
Margherita De Cal - judo timeline

Margherita De Cal in oro al 1° Campionato del Mondo femminile

Margherita de Cal vince il 1° Campionato Mondiale Femminile disputato a New York.

Ezio Gamba - cronologia judo

Ezio Gamba

All’Olimpiade di Mosca Ezio Gamba vince la prima medaglia d’oro olimpica dell’Italia nel judo (71 Kg).

1982 In occasione del 100° anniversario della sua fondazione il Kodokan rivede il Go-Kyo reintroducendo le 8 tecniche escluse nel 1920 ed inserendo 17 nuove tecniche. Queste 65 tecniche saranno riconosciute come “Le 65 Tecniche del Kodokan Judo”.
1984
Maria Teresa Motta - judo timeline

Maria Teresa Motta

Maria Teresa Motta vince il Campionato Mondiale disputato a Vienna.

1986 Si disputa al Palaeur di Roma il Campionato Mondiale Juniores.
1988 Le categorie femminili di judo vengono ammesse ai Giochi Olimpici di Seul (solo come sport dimostrativo).
1989
Emanuela Pierantozzi - cronologia judo

Emanuela Pierantozzi

Emanuela Pierantozzi vince il Campionato Mondiale a Belgrado.

1990
PalaFIJLKAM - judo timeline

Il Palazzetto dello Sport di Ostia, Roma

In Italia il 25 aprile si inaugura il Palazzetto FILPJ di Ostia, Roma.

1991
Alessandra Giungi - cronologia judo

Alessandra Giungi

Alessandra Giungi e Emanuela Pierantozzi vincono il Campionato Mondiale a Barcellona.

1992 Le categorie femminili di judo vengono ammesse definitivamente ai Giochi Olimpici di Barcellona.
Il 18 dicembre, a Ostia (Roma), s’inaugura il Centro di Preparazione Olimpica della FILPJ.
1995
Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate (FILPJK) - judo timeline

Il logo della Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate (FILPJK)

In Italia il karate, già disciplina associata, entra a far parte della FILPJ che assume, pertanto, la denominazione di Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate (FIPLJK).

1997 Il Kodokan aggiunge 2 ulteriori tecniche.
2000
Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM) - cronologia judo

Il logo della Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM)

In Italia il 1° luglio l’Assemblea Nazionale delibera di dividere la FILPJK in Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM) e Federazione Italiana Pesistica e Cultura Fisica (FIPCF).

Giuseppe Maddaloni - judo timeline

Giuseppe Maddaloni

All’Olimpiade di Sydney, Giuseppe Maddaloni vince la seconda medaglia d’oro olimpica dell’Italia nel judo (73 Kg).

2002 In Italia la FIJLKAM celebra il centenario della sua fondazione.
2008
Giulia Quintavalle - cronologia judo

Giulia Quintavalle

All’Olimpiade di Pechino, Giulia Quintavalle vince la prima medaglia d’oro olimpica femminile dell’Italia nel judo (57 Kg).

2012 In Italia il 27 novembre s’inaugura al Centro Olimpico il Museo degli Sport di Combattimento e la nuova Palazzina Direzionale Multifunzionale.
2016
Fabio Basile - judo timeline

Fabio Basile

Alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, Fabio Basile vince la terza medaglia d’oro olimpica per l’Italia nel judo (66 Kg).