Ju No Kata

Forma della cedevolezza

Jigoro Kano (1860–1938) fondatore del Judo. Ju No Kata

Jigoro Kano (1860–1938) durante una esecuzione di Ju No Kata

Il Ju No Kata (forma della cedevolezza), è uno dei otto kata ufficiali del Kodokan Judo Institute di Tokyo.

Esso fu creato dal Prof. Jigoro Kano nel 1897 circa, e originariamente, definito il kata della ginnastica (Taiso No Kata), comprendeva 10 tecniche. Solamente nel 1907 il kata venne modificato dallo stesso Kano, arrivando all’attuale classificazione con 15 tecniche suddivise in 3 gruppi, prendendo appunto il nome di Ju No Kata.

Il Ju No Kata è caratterizzato da movimenti fluidi e precisi, da azioni di distensione muscolare isometrica e da un’attività aerobica molto intensa. Viene eseguito lentamente, non comporta cadute e quindi può venire utilizzato come ottimo esercizio fisico, inoltre l’esecuzione di questo kata non necessita che tori e uke indossino judogi e quindi può essere eseguito all’aria aperta, in ogni luogo, da persone di ogni sesso ed età; conferisce un perfetto senso dell’equilibrio e un buon controllo dei muscoli.

Si noti che sebbene la sezione femminile del Kodokan, istituita ufficialmente nel 1926, abbia sempre posto particolare enfasi sullo studio del Ju No Kata, è del tutto falsa l’opinione per la quale tale kata sia a uso esclusivo delle donne.
È pur vero che sin da subito il fondatore del Judo non aveva una propria metodologia per insegnare alle donne. Assieme al proprio allievo Tomita perfezionò quindi uno specifico programma partendo proprio dall’insegnamento del Ju No Kata che permetteva un’introduzione graduale al judo, onde non spaventare le praticanti prima di aver raggiunto un grado e un’esperienza tali da potersi cimentare in tecniche più complesse.

Questo kata propone lo studio dell’alternanza tra yin e yang, ossia tra la “energia nascosta o passiva” e la “energia visibile o attiva”.

Illustri maestri del Ju No Kata sono: Masako Noritomi, Keiko Fukuda, Katsuko Umezo e Sumiko Akiyama.

Composizione del Ju No Kata

Gruppo I: Ikkyo

  • Tsuki dashi (trafiggere con la mano)
  • Kata oshi (spingere la spalla)
  • Ryote dori (presa ai polsi)
  • Kata mawashi (far girare le spalle)
  • Ago oshi (spingere il mento)

Gruppo II: Dai Nikkyo

  • Kiri oroshi (tagliare dall’alto)
  • Ryokata oshi (spingere entrambe le spalle)
  • Naname uchi (colpire in diagonale)
  • Kata te dori (prendere una mano)
  • Kata te age (alzare una mano)

Gruppo III: Sankyo

  • Obi tori (afferrare la cintura)
  • Mune oshi (spinta sul petto)
  • Tsuki age (pugno al mento dal basso verso l’alto)
  • Uchi oroshi (colpo dall’alto verso il basso)
  • Ryogan tsuki (dita negli occhi)

Ju No Kata – Video didattico del Kodokan di Tokyo – T. Ogata 6° Dan (Tori) – M. Samejima 6° Dan (Uke)

World Judo Kata Championships 2013 (Kyoto – JPN) – Etsuko Yokoyama (Tori) e Chigusa Omori (Uke) vincono il loro sesto titolo consecutivo nel Ju No Kata

Raro video che riprende un esecuzione del Ju No Kata precedente al 1940.  Tori potrebbe essere il Maestro Isogai Hajime, ma non ci sono conferme di questo.

World Judo Kata Championships 2008 (Paris – FRA) – Ilaria Sozzi (Tori) e Marta Frittoli (Uke) seconde classificate nel Ju No Kata

Collabora con Martial Net