Cronologia della storia del karate-do

300 a.C.
Okinawa

È considerata in questa data l’arrivo dal Giappone degli abitanti originari delle Isole Ryukyu, di cui fa parte Okinawa.
Okinawa, la più grande e importante isola della catena delle Ryukyu, si trova nel mare della Cina orientale a circa 550 chilometri a sud della principale isola meridionale del Giappone, a 550 km a nord di Taiwan e 740 chilometri a est del continente cinese. Si tratta di una piccola isola, lunga 108 km e variabile tra 5 e 24 km di larghezza. Ricca di foreste, Okinawa oggi sostiene una popolazione di un milione di persone che vivono principalmente nel sud come a nord.

607
Okinawa

Avviene il primo contatto documentato tra gli abitanti di Okinawa e la Cina durante la dinastia Sui. Tuttavia essendo incapaci di comprendere il dialetto di Okinawa (Hogan), gli inviati cinesi fecero ritorno senza aver potuto stabilire accordi sostanziali.

1340
Okinawa
I tre regni di Okinawa

I piccoli domini sparsi sull'isola di Okinawa furono unificati e si crearono così tre regni rivali: Hokuzan (Montagna Settentrionale), Chuzan (Montagna Centrale) e Nanzan (Montagna Meridionale).

1372
Okinawa

Satto, leader del più potente dei tre regni di Okinawa, incontra Yang Zai, rappresentante speciale dell'imperatore cinese Hong Wu. Satto vede il valore di un rapporto con i cinesi e instaura un'alleanza accompagnata dai tributi.

1374
Okinawa

Taiki, fratello minore di Re Satto, viene inviato a Nanjing, come leader di una missione per definire formalmente il patto tributario e le relazioni commerciali con la Cina.

1393
Okinawa

Trentasei famiglie della provincia di Fukien della Cina, si stabiliscono nel villaggio di Kume, nel distretto Kuninda di Naha a Okinawa. Questa missione diventa una fonte importante di cultura cinese, per la tecnologia, la filosofia e per le arti marziali unendo le tecniche portate dai cinesi con un sistema di combattimento sconosciuto che già esisteva a Okinawa.

1404
Okinawa

Il primo Imperatore della dinastia Ming invia Shi Zhong, suo sapposhi (inviato speciale) presso Bunei, principe di Chuzan. Da quel momento sapposhi cinesi cominciarono a visitare Okinawa regolarmente, queste visite saranno più di venti in un periodo di cinquecento anni, approssimativamente ogni volta che un nuovo re assumeva il potere a Okinawa.

1429
Okinawa

Sho Hashi, Re di Chuzan, unifica i tre regni di Okinawa (Hokuzan a nord, Chuzan al centro e Nanzan a sud), fondando la prima dinastia Sho.

1470
Okinawa

Caduta della prima dinastia Sho.

1477
Okinawa
Re Sho Shin

Fondazione della seconda dinastia Sho per opera di Re Sho Shin (1465-1526).

1507
Okinawa

Re Sho Shin, per mantenere la pace, introduce il divieto di possedere armi per tutte le persone, tranne la classe superiore e le forze di pace del tempo. Questo aumenta la necessità di abilità nel combattimento senza armi. Il kobudo di Okinawa inizia ad evolversi in questo momento per la ricerca delle persone di altri modi per difendersi.

1609
Okinawa
Satsuma Samurai

Il grande clan giapponese Satsuma invade e conquista Okinawa.

1629
Okinawa

Nel tentativo d'impedire qualsiasi rivolta, il clan Satsuma vieta tutte le armi, compresa la spada, e la pratica delle arti marziali. I vari gruppi di kungfu e di tode di Okinawa si riunirono segretamente creando un nuovo stile di combattimento chiamato semplicemente te (mano). La pratica del te nelle tre scuole principali (Shuri-te, Naha-te e Tomari-te) si sviluppò clandestinamente costringendo gli esperti di arti marziali a riunirsi in segreto e formare delle vere e proprie società segrete aventi tra l’altro per scopo quello di resistere al dominio del Clan Giapponese e quello di proteggere la popolazione di Okinawa. Gli insegnamenti avevano dunque da un lato un carattere esoterico a causa della segretezza con la quale venivano insegnati e dall’altro erano divenuti particolarmente violenti poiché lo scopo era principalmente quello di uccidere il nemico.

1668
Okinawa
Chatan Yara

Nasce il Maestro Chatan Yara (1668-1756), del villaggio di Chatan (Okinawa), sarà il Maestro di Takahara Peichin.

1683
Okinawa

Il Sapposhi Wanshu giunge ad Okinawa, forse introducendo nuove tecniche di combattimento.

Okinawa
Takahara Peichin

La leggenda vuole che in questa data sia nato Takahara Peichin (1683-1760), primo Maestro di Sakugawa “Tode” Kanga.

1733
Okinawa
Sakugawa "Tode" Kanga

Il 5 marzo a Shuri (Okinawa) nasce il Maestro Sakugawa “Tode” Kanga (1733-1815), precursore del karate moderno e conosciuto come il “Padre del karate di Okinawa”. Fu il primo maestro a tentare la sistematizzazione del Tode, termine da lui coniato per individuare l’arte del combattimento a mano vuota. È ritenuto il maestro di Matsumura Sokon, purché non esistano prove certe che confermino questa tesi.

1756
Okinawa

Muore il Maestro Chatan Yara.

Okinawa
Re Sho Boku

Il sapposhi Guan Kui arriva a Okinawa il cui re è Sho Boku (1739-1794).

1760
Okinawa

Muore il Maestro Takahara Peichin.

1762
Okinawa

Una nave tributaria okinawense in rotta verso Satsuma, dirottata da un violento tifone approdò sulle coste di Oshima (Prefettura di Kochi), sull’Isola di Shikoku. Ryoen Tobe, uno studioso confuciano, raccolse le testimonianze dei passeggeri in un diario intitolato Oshima Ikki (l’incidente di Oshima). In questo diario compare per la prima volta in assoluto un nome che avrà risonanza mondiale nel mondo del karate: Kusanku. Questo Kusanku viene descritto come un esperto di kempo, nello specifico di Kumiaijutsu. Kusanku viaggiava con un piccolo seguito di allievi e si crede che fosse giunto ad Okinawa al seguito del sapposhi Guan Kui. La descrizione dell’abilità nel combattimento di Kusanku aveva meravigliato i presenti. Non solo era in grado di sconfiggere avversari fisicamente più imponenti di lui, ma era solito combattere con una mano poggiata sul petto. Una delle sue manovre preferite era quello di falciare le gambe degli avversari con una presa a forbice.

Okinawa

In quest’epoca si collocano i viaggi del Maestro Sakugawa “Tode” Kanga in Cina.

1798
Okinawa
Sokon Matsumura

Nasce a Shuri (Okinawa) il Maestro Sokon Matsumura (1809-1901), il primo maestro a strutturare il karate in maniera organica gettando le basi per la nascita di una vera scuola di karate a Okinawa. Fu il maestro di Anko Asato e Anko Itosu.

1815
Okinawa

Muore il Maestro Sakugawa "Tode" Kanga.

1827
Okinawa
Anko Asato

Nasce a Okinawa il Maestro Anko Asato (1827-1906), uno dei principali Maestri di Gichin Funakoshi.

1831
Okinawa
Anko Itosu

A Naha, nasce il Maesto Anko Itosu (1831-1915) considerato il primo grande "modernizzatore" avendo operato modifiche al karate precedente per poter diffondere la disciplina su larga scala, eliminando le tecniche più pericolose contenute nei kata.

1853
Okinawa
Kanryo Higaonna fondatore del Naha-te

Il 10 marzo a Nishi-shin-machi, Naha (Okinawa) nasce il Maestro Higaonna Kanryo (1853-1915) conosciuto anche come Higashionna, fondatore del Naha-te.

1868
Okinawa

Con l'inizio della restaurazione Meiji il karate non deve più essere praticato in segreto. Questo restauro è durato fino al 1912.

Okinawa
Gichin Funakoshi fondatore karate shotokan

Il 10 novembre a Shuri, Naha (Okinawa) nasce il Maestro Gichin Funakoshi (1868-1957), fondatore dello stile Shotokan.

1877
Okinawa
Kanbun Uechi fondatore dell'Uechi-ryu

Il 5 maggio nasce a Motobu il Maestro Kanbun Uechi (1877-1948), fondatore dell'Uechi-ryu, uno degli stili primari del karate di Okinawa.

1879
Okinawa
Re Sho Tai

Dopo tre secoli di controllo dei Satsuma su Okinawa, il Re Sho Tai (1843-1901), ultimo Re delle Ryukyu, abdicò e l'isola entrò ufficialmente a far parte dell'Impero Giapponese come prefettura di Okinawa l'11 marzo.

1888
Okinawa
Chojun Miyagi fondatore dello stile Goju-ryu

Il 25 aprile a Naha (Okinawa) nasce il Maestro Chojun Miyagi (1888-1953), fondatore dello stile Goju-ryu. Fu il primo Maestro di karate a essere insignito del grado di "Kyoshi", 2° livello, dal Dai Nippon Butokukai.

1889
Okinawa
Kenwa Mabuni

A Shuri (Okinawa), nasce il Maestro Kenwa Mabuni (1889-1952), fondatore dello stile Shito-ryu.

1890
Okinawa

Muore il Maestro Sokon Matsumura.

1892
Giappone
Hironori Otsuka

Il 1° giugno a Shimodate, l'odierna Chikusei nella Prefettura di Ibaraki (Giappone) nasce il Maestro Hironori Otsuka (1892-1982), fondatore dello stile Wado-ryu.

1895
Giappone

Viene fondato il Dai Nippon Butokukai, la più antica organizzazione giapponese di arti marziali.

1900
Okinawa
Ryuko Arakaki

Il Maestro Chokun Miyagi comincia l'allenamento con il Maestro Ryuko Arakaki (1840-1918) (nella foto)

Okinawa

Il Maestro Itosu Anko insegna karate ai bambini delle scuole elementari dopo la scuola.

1902
Okinawa

Il Maestro Gichin Funakoshi promuove la prima dimostrazione pubblica di karate sull'isola di Okinawa per la visita di Shintaro Ozawa, provveditore scolastico della prefettura giapponese di Kagoshima.

1908
Okinawa

Grazie all'infaticabile opera del Maestro Anko Itosu, il karate entrò nel curriculum scolastico degli studenti di Okinawa, perdendo così le precedenti caratteristiche di segretezza note col principio di Isshi-soden (la trasmissione completa delle tecniche di uno stile avveniva solo tra il Maestro e un allievo).

1912
Okinawa
Meitoku Yagi

Il 6 marzo a Naha (Okinawa) nasce il Maestro Meitoku Yagi (1912-2003), sarà in seguito il successore del Maestro Chojun Miyagi.

Okinawa

Membri dell'Esercito Giapponese (Marina Militare) vedono una dimostrazione di karate.

1915
Okinawa

Il 26 marzo a Naha muore il Maestro Anko Itosu.

Okinawa

A dicembre muore anche il Maestro Higaonna. Il suo miglior allievo Chojun Miyagi, è il successore di Naha-te.

1917
Giappone

Il karate viene mostrato per la prima volta al di fuori di Okinawa dal Maestro Gichin Funakoshi, recatosi a Kyoto, in Giappone, per una dimostrazione del suo karate presso il Dai Nippon Butokukai.

1918
Okinawa

Gruppi di esperti di karate iniziano a incontrarsi e allenarsi insieme.

1921
Okinawa
Imperatore Showa

Il principe ereditario Hirohito (1901-1989) (in foto) in viaggio per l'Europa assiste a Okinawa a una dimostrazione effettuata dal Maestro Gichin Funakoshi.

1922
Giappone
Jigoro Kano fondatore del Judo

In seguito al successo della dimostrazione del 1921 il Maestro Gichin Funakoshi viene invitato a Tokyo dal Maestro Jigoro Kano, fondatore del judo, per dare una dimostrazione al Kodokan, portando il karate-do in Giappone. Non tornerà mai più a Okinawa.

1923
USA
Robert A. Trias (1923–1989), apre il primo dojo americano a Phoenix, Arizona e diventa noto come “il padre del karate americano”.

Il 18 marzo, a Tucson in Arizona (USA), nasce il Maestro Robert A. Trias (1923-1989), noto come il "Padre del karate americano". Svilupperà lo stile Shuri-ryu, uno stile eclettico, con radici nella tradizione dello Shuri-te di Okinawa.

1924
Giappone

Il Maestro Gichin Funakoshi apre il primo dojo di karate in Giappone all'Università di Keio.

1926
Okinawa

Il Maestro Meitoku Yagi inizia la formazione sotto la guida del Maestro Chojun Miyagi.

1930
Okinawa

Il Maestro Chojun Miyagi è il primo Maestro ad assegnare un nome, Goju-ryu, per il suo particolare stile di karate.

1933
Giappone
Dai Nippon Butokukai

Il karate apre la sua sezione all'interno del Dai Nippon Butokukai. Miyagi e Chibana registrano i loro gruppi come Goju-ryu e Shorin-ryu.

Nella foto la sede del Dai Nippon Butokukai nel 1932.

1936
Giappone
Ideogramma Kara

Il Dai Nippon Butokukai cambia il kanji kara che significa "cinese", nel kanji kara che significa "vuoto".

Giappone

Il Maestro Gichin Funakoshi chiama Shotokan-ryu il suo stile di kaarate.

1944
Okinawa
Meitatsu Yagi

Il 7 luglio nasce il Maestro Meitatsu Yagi.

1945
Giappone

Jinan Shinzato, studente superiore del Maestro Chojun Miyagi, muore nelle prime fasi della battaglia di Okinawa.

Giappone

Fine della Seconda Guerra Mondiale, l'amministrazione USA in Giappone proibisce la pratica del judo e del kendo favorendo in questo modo la crescita del karate.

Giappone
Douglas MacArthur

Il Generale Douglas MacArthur (1880-1964) ordina anche la chiusura del Dai Nippon Butokukai perché molte delle grandi menti militari delle forze armate giapponesi avevano appartenenze a questa istituzione e MacArthur voleva farla finita con qualsiasi tipo di militarismo.

1946
USA

Robert A. Trias apre il primo dojo americano a Phoenix, Arizona e diventa noto come il "Padre del karate americano".

1948
Okinawa

Il 25 novembre a Iejima muore il Maestro Kanbun Uechi.

1949
Okinawa
Meitetsu Yagi

Il 1° gennaio nasce il Maestro Yagi Meitetsu.

1950
Regno Unito

Il karate viene introdotto nel Regno Unito.

1952
Okinawa

Il Maestro Chojun Miyagi concede il permesso al Maestro Yagi Meitoku di aprire un dojo nel distretto Daido di Naha. Fu il primo e unico studente del Maestro Miyagi a cui fu dato il permesso di farlo.

Giappone

A Tokyo muore il Maestro Kenwa Mabuni.

1953
Okinawa

L'8 ottobre, all'età di 53 anni, muore il Maestro Chojun Miyagi.

1955
Italia
Vladimiro Malatesti

Il karate viene introdotto in Toscana da un marinaio, Vladimiro Malatesti (1908-1967), che lo aveva appreso nei suoi viaggi in Oriente.

1956
Okinawa

Il Maestro Meitoku Yagi fonda l'Okinawa Karate-do Goju-kai.

1957
Giappone
Gichin Funakoshi Memorial nel tempio Enkakuji a Kamakura

Il 26 aprile a Tokyo, muore il Maestro Gichin Funakoshi.

Nella foto: il memorial del Maestro Gichin Funakoshi nel tempio Enkakuji a Kamakura.

1957
Okinawa

Il Maestro Meitoku Yagi sposta il dojo dal quartiere Daido al distretto di Naha Kume.

1958
Italia
Murakami Tetsuji

Su invito del Maestro Vladimiro Malatesti, arriva in Toscana, il Maestro Murakami Tetsuji (1927-1987) che insegna lo stile Shotokai del Maestro Engami.
Sarà il primo Maestro giapponese a insegnare in Italia.

1960
Unione Sovietica

Il karate si fa strada verso l'Unione Sovietica ed è vietato più volte nel corso dei prossimi tre decenni.

1962
Italia

Si forma un nucleo di praticanti nel Lazio che fa capo ad Augusto Basile, che ha imparato il karate in modo un po' avventuroso, seguendo il Maestro Hiroo Mochizuki in giro per l'Europa.

1963
Okinawa

La famiglia del Maestro Chojun Miyagi nomina ufficialmente il Maestro Meitoku Yagi diretto successore di Okinawa Goju-ryu.

Italia
Fassi Roberto

Uno studente milanese, Roberto Fassi (1935-2014), che pratica judo al Jigoro Kano di Milano, si reca in Francia agli stage di Henry Plée e diventa 1° kyu; incomincia a insegnare karate al Jigoro Kano, lezioni basate più sulla durezza e la resistenza che sullo stile, ancora approssimativo. Fassi sentiva la necessità di un aiuto consistente da parte di un maestro di esperienza, tant'è che invitava spesso i Maestri Nanbu e Chouk per tenere degli stage.

Francia

Il 15 dicembre nasce la European Karate Union (EKU).

1964
Italia
Masaru Miura

A Torino arriva il Maestro Masaru Miura della JKA (Shotokan). Fonderà in seguito una propria federazione.

1965
Italia
Hiroshi Shirai

Fassi scrive in Giappone e chiede un istruttore per l'Italia; nel novembre arrivano a Milano 4 Maestri della JKA: Taiji Kase, Hirokazu Kanazawa, Keinosuke Enoeda e Hiroshi Shirai (in foto). Danno una dimostrazione formidabile nella sala secondaria del Palalido, poi Kase va in Francia, Enoeda in Inghilterra, Kanazawa torna in Giappone e Shirai, allora 5° dan, tre anni prima campione di kumite del Giappone, fonda nel 1966 l'Associazione Italiana Karate (AIK). Tra i primi nomi di spicco Fassi, Falsoni, Abruzzo, Possenti, Parisi e Baleotti.

1966
Francia

Si svolgono a Parigi i primi Campionati Europei di karate.

Italia
Augusto Ceracchini

Un tentativo di unificazione tra le tre maggiori organizzazioni italiane di karate (al centro il KIAI, a Firenze la FIK e a Milano l'AIK) fallisce per disaccordo sulla direzione tecnica. Si uniscono solo la FIK e il KIAI nella nuova FIK, in cui comincia a intervenire il peso politico dell'avvocato Augusto Ceracchini (1926-1978), uomo del judo e del CONI, che riesce a far entrare la FIK nella WUKO, l'organizzazione mondiale che raggruppa allora tutti gli stili e tutte le federazioni (compreso lo Shotokan JKA).

1970
Giappone
World Union Of Karatedo Organization WUKO

Viene fondata la World Union of Karate-do Organizations (WUKO).

Giappone

Vengono organizzati a Tokyo i primi Campionati del Mondo di Karate.

Italia

All'interno dell'Associazione Italiana Karate (AIK) c'è una crisi determinata dal mancato riconoscimento politico della maggior abilità tecnica degli uomini del Maestro Shirai. C'è una frattura e una componente, con alla testa il Maestro Shirai, fonda la FeSIKa.

1972
Francia

Ai mondiali di Parigi la squadra giapponese, rappresentata per intero dalla JKA di Nakayama, si ritira dalle gare giudicandosi danneggiata da una decisione arbitrale; squalificata, esce dalla WUKO creando un'organizzazione concorrente, la International Amateur Karate Federation (IAKF) con l'appoggio determinante della FeSIKa diretta dal conte Zoja. La IAKF pratica solo Shotokan e ha un'emanazione europea, la EAKF. Da allora, si svolgono sempre due campionati mondiali e due campionati europei contrapposti, con alcune nazioni che partecipano a entrambi e altre (Italia) in cui una federazione gareggia nella WUKO e un'altra nella IAKF.

1974
Okinawa

Il Maestro Yagi Meitoku  crea Meibu-ken Kata, Fu-kyu Kata Ichi, Fu-kyu Kata Ni. Più tardi, li riunisce in un unico kata che chiama Tenchi-no-kata.

1977 1978
Italia

Alla fine del 1978 la FeSIKa e la FIK si scioglievano dando vita a una nuova organizzazione con la direzione tecnica congiunta di Basile e Shirai, poi sostituito da De Michelis: la Federazione Italiana Karate e Discipline Associate (FIKDA).

1982
Giappone

Il 29 gennaio muore il Maestro Hironori Otsuka.

1989
Unione Sovietica

Il karate è legalizzato ancora una volta in Unione Sovietica.

USA

L'11 luglio muore il Maestro Robert A. Trias.

1990
Italia

In Italia la convivenza tra le due componenti (tradizionalista e sportiva) finisce quando, scontenti della conduzione tecnica del Maestro Aschieri che non lasciava alcun spazio alla loro visione del karate, i tradizionalisti uscivano (defnitivamente?) dalla Fitak dando vita alla Federazione Italiana Karate Tradizionale (Fikta) sempre diretta dal Maestro Shirai.

Spagna
World Karate Federation WKF

I membri della World Union of Karate-do Organizations (WUKO) fondano la World Karate Federation (WKF). Si tratta del più grande organo di governo internazionale del karate con oltre 130 paesi membri ed è l'unica riconosciuta dal Comitato Olimpico (CIO) e ha più di dieci milioni di membri.

1992
Okinawa
Castello Shuri

I grandi Maestri di Okinawa eseguono una dimostrazione in occasione della ricostruzione del Castello di Shuri, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale.

1993
Francia

Il karate entra nel programma dei Giochi del Mediterraneo.

1995
Italia
Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate FILPJK

In Italia il karate, già disciplina associata, entra a far parte delle FILPJ che assume, pertanto, la denominazione di Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate (FILPJK).

2000 2003
Okinawa

Il 7 febbraio muore il Maestro Meitoku Yagi.

2005
Singapore

Nella 117ª sessione del CIO (luglio 2005) tenutasi a Singapore, nella votazione per determinare se diventare sport olimpico, più della metà dei voti fu favorevole, ma era necessario il raggiungimento di almeno i due terzi dei votanti.

2016
Brasile

Nella 129ª sessione del CIO svolta a Rio de Janeiro (Brasile), viene inserito il karate come uno dei cinque sport in prova per le Olimpiadi di Tokyo.

2019
Francia

Viene data la notizia che il karate è ufficialmente escluso dalle Olimpiadi di Parigi 2024.

Collabora con Martial Net