Vai al contenuto

Yoshitsugu Yamashita

Il primo 10° dan del judo

Yoshitsugu Yamashita

(16 febbraio 1865 – 26 ottobre 1935)

Gli anni della formazione

Yamashita Yoshitsugu, noto anche come Yamashita Yoshiaki, nacque il 16 febbraio 1865 a Kanazawa, allora capitale del potente dominio feudale di Kaga, una regione feudale del Giappone governata dal clan Maeda. Suo padre era un samurai di basso rango al servizio del clan Maeda. Yamashita crebbe in un ambiente familiare rigido e rigoroso, tipico della classe guerriera giapponese. Suo padre lo educò ai valori del bushido, il codice d’onore dei samurai, che includeva il rispetto, la lealtà, il coraggio, l’onestà e la disciplina. Yamashita imparò anche le arti marziali tradizionali giapponesi, chiamate bujutsu o koryu, che erano considerate essenziali per la formazione dei samurai.

In particolare, studiò due stili di jujutsu, l’arte della lotta a mani nude che usava leve, proiezioni, colpi e strangolamenti per sconfiggere l’avversario. I due stili erano lo Yōshin-ryū e il Tenjin Shin’yō-ryū. Lo Yōshin-ryū era uno stile basato sull’agilità e sulla flessibilità, che enfatizzava le tecniche di proiezione e di caduta. Il Tenjin Shin’yō-ryū era uno stile basato sulla forza e sulla potenza, che enfatizzava le tecniche di colpo e di strangolamento. Yamashita si dimostrò molto abile in entrambi gli stili, raggiungendo presto un alto livello di maestria. Yamashita dimostrò presto di avere un talento naturale per il jujutsu e di essere dotato di una grande abilità e un forte carattere, guadagnandosi il rispetto e la stima dei suoi insegnanti e dei suoi compagni. Era noto per la sua forza fisica, la sua velocità, la sua resistenza e la sua determinazione. Era anche dotato di un’intelligenza acuta e di una memoria prodigiosa, che gli permettevano di apprendere rapidamente le tecniche e le strategie del jujutsu.

Yoshitsugu Yamashita

Yamashita crebbe in un periodo storico turbolento e cruciale per il Giappone, quello della restaurazione Meiji, che segnò la fine del sistema feudale dello shogunato Tokugawa e l’inizio di una nuova era di modernizzazione e occidentalizzazione del paese. Questo processo portò a profondi cambiamenti sociali, politici, economici e culturali, che coinvolsero anche la classe samurai e le arti marziali. La classe samurai perse il suo status privilegiato e il suo ruolo militare, dovendo adattarsi a nuove professioni e a nuove regole. Le arti marziali tradizionali persero la loro funzione pratica e il loro prestigio, dovendo competere con le nuove discipline sportive e militari importate dall’Occidente. Yamashita fu testimone di questi cambiamenti e ne fu influenzato nella sua formazione e nella sua visione delle arti marziali.

Yamashita si trasferì a Tokyo per proseguire i suoi studi presso la Kaisei Gakko, una prestigiosa istituzione educativa fondata dal governo Meiji, che in seguito divenne nota come Tokyo Daigaku e successivamente come Università Imperiale di Tokyo (oggi Università di Tokyo). Yamashita si iscrisse alla scuola di lingue straniere, dove imparò l’inglese e il francese. Si interessò anche alla cultura occidentale e alle sue novità, come il baseball, il ciclismo e la fotografia. Continuò a praticare le arti marziali, frequentando diversi dojo di jujutsu e di altre discipline, come il kenjutsu, l’arte della spada, e il sumo, la lotta tradizionale giapponese. Si guadagnò una reputazione di lottatore imbattibile e di uomo violento, che non esitava a sfidare o a provocare gli altri praticanti. Si dice che avesse ucciso o ferito gravemente almeno una dozzina di avversari in duelli o in risse.

Qui ebbe l’opportunità di incontrare Jigoro Kano, che era un suo amico d’infanzia e un compagno di studi alla Kaisei Gakko.  Kano era un giovane intellettuale appassionato di arti marziali che aveva studiato diverse scuole di jujutsu e ne aveva tratto una nuova sintesi: il judo. Jigoro Kano aveva fondato il suo dojo di judo nel 1882 con solo nove allievi, chiamandolo Kodokan, che significa “luogo dove si insegna la via”. Il Kodokan era situato all’Eishoji, un piccolo tempio buddhista nel quartiere di Ueno a Tokyo. Il judo era concepito  da Kano non solo come una forma di combattimento, ma anche come un metodo di educazione fisica, mentale e morale, basato sul principio di “massima efficacia con minimo sforzo” che consisteva nell’usare la tecnica anziché la potenza per sfruttare la forza dell’avversario a proprio vantaggio. Il judo si proponeva anche come una disciplina educativa e sportiva, che mirava allo sviluppo fisico, mentale e morale dei praticanti ovvero sullo spirito di mutuo beneficio e rispetto. Yamashita si unì al dojo di judo Kodokan di Jigoro Kano nell’agosto 1884 come 19° membro e si legò subito di amicizia con Kano, che lo considerava il suo allievo più promettente.

Yamashita Yoshitsugu era noto per essere un uomo violento e per le sue numerose risse di strada. Era spesso coinvolto in scontri di strada con avversari di varia natura, come operai, banditi, samurai o poliziotti. Non esitava a usare la sua forza e le sue tecniche di judo per ferire o uccidere i suoi nemici, senza alcuna pietà o remora. Tra i suoi episodi più noti ci fu quello in cui si trovò coinvolto in una rissa con non meno di 17 operai a Tokyo a causa di una disputa in un ristorante. Nonostante il loro vasto vantaggio numerico, aggiunto al fatto che alcuni di loro impugnavano coltelli, Yamashita e un altro judoka si sbarazzarono di tutti gli uomini, rompendo intenzionalmente le braccia a tre di loro e mettendo in fuga gli altri. Poco dopo, Yoshitsugu si trovò coinvolto in un’altra lite con un altro gruppo di operai, questa volta lui contro 15 di loro, ma finì allo stesso modo: Yamashita mutilò i suoi aggressori con soffocamenti e lanci, e persino uccise alcuni di loro spezzando loro il collo . Fu arrestato, ma fu facilmente assolto dopo aver dimostrato la natura disuguale delle risse. Tuttavia, fu comunque sospeso dal Kodokan per l’uso eccessivo della violenza.

Quando fu affrontato dallo stesso Kano Jigoro, fondatore del Kodokan e amico d’infanzia di Yamashita, quest’ultimo protestò e arrivò al punto di sfidare il suo maestro a combattere. Arrivò al punto di sfidare Kano a un duello, ma Kano lo convinse a smettere con i suoi modi violenti facendogli capire che un giorno avrebbe potuto essere ferito nello stesso modo in cui gli piaceva far del male alle persone. Yamashita credeva infatti che la potenza fosse un elemento fondamentale per vincere gli incontri e che il judo dovesse essere usato anche per difendersi dai nemici, ma il suo maestro lo convinse a desistere e a riflettere sul vero significato del judo. Yamashita capì allora che il judo non era solo una forma di combattimento, ma anche una via per lo sviluppo personale e sociale e si rese conto che il suo comportamento violento era contrario ai principi del judo. Decise quindi di cambiare il suo atteggiamento e adottò la filosofia del judo come stile di vita, cercando di migliorare se stesso e gli altri attraverso la pratica fisica e mentale, allenandosi duramente ogni giorno. In soli tre mesi raggiunse il grado di cintura nera di primo dan (shodan), un record mai eguagliato. In due anni arrivò al quarto dan (yodan), diventando uno dei più alti gradi del Kodokan.

Il campione del Kodokan

Yamashita Yoshitsugu si affermò presto come uno dei migliori combattenti del Kodokan, partecipando alle competizioni tra il Kodokan e le scuole rivali di jujutsu o di altre arti marziali negli anni ’80 e ’90 del XIX secolo. Queste sfide erano spesso organizzate per dimostrare la superiorità o l’inferiorità di uno stile rispetto a un altro, o per risolvere delle dispute o delle controversie. Yamashita si distinse per la sua forza, la sua velocità e la sua aggressività, sconfiggendo numerosi avversari con tecniche spettacolari e decisive.

Imbattibile e temuto, il ruolo di Yamashita come concorrente del Kodokan è stato particolarmente notevole nella rivalità Kodokan-Totsuka, nel 1886. La rivalità tra la scuola Kodokan di judo e la scuola Totsuka di jujutsu Yoshin-ryu è avvenuta negli anni 1880 durante la Restaurazione Meiji in Giappone. Composta da diverse sfide e tornei, il suo risultato ha visto il declino delle scuole tradizionali di jujutsu e l’ascesa del judo come arte marziale istituzionalizzata. Sebbene circondata da controversie e leggende a causa di fonti inconsistenti, è stata considerata una parte vitale della storia del judo.

La categorizzazione di questi eventi incontra un ostacolo nell’assenza di registri diretti e nella relativa disparità delle fonti esistenti. Il Kodokan non tiene un registro chiaro sulla questione, e questo è stato notato per aver dato vita a folklore e leggende. È stato persino detto che i ricordi di quelle sfide sono puramente propaganda fittizia, anche se, come nota lo storico del judo Sanzo Maruyama, è difficile comprendere l’espansione del judo senza le sue vittorie sul jujutsu. Contando sulla loro veridicità, è stato suggerito che ci fossero più di un singolo torneo, il che avrebbe causato la confusione di date e partite tra le fonti, così come la loro affiliazione alla polizia avrebbe reso gli eventi privati e lontani dalle fonti pubbliche.

Le regole degli eventi sono sconosciute. Sakujiro Yokoyama ha scritto che le partite a sfida dell’epoca erano dure e brutali, spesso finendo con la morte dei partecipanti, ma il regolamento impiegato dal Dipartimento di Polizia Metropolitana è stato descritto come comparativamente più “civilizzato”, presumibilmente volendo testare quale sistema di combattimento fosse il migliore per le loro tecniche di arresto non letali. È evidente che le partite potevano essere vinte sia per sottomissione che per interruzione dell’arbitro, altrimenti finendo in un hikiwake o in un pareggio al limite del tempo. Giudicando per le attestazioni, sembra anche che fossero ammessi sia i lanci che le sottomissioni (o almeno le prese alla gola), mentre tattiche come stalling o rimanere disimpegnati a terra non erano penalizzate. Alcune voci hanno affermato che queste regole davano vantaggio al lato del judo, ma commentatori successivi come Hajime Isogai hanno notato che il formato aperto avrebbe favorito proprio il lato del jujutsu, che avrebbe usato il terreno per evitare la superiore lotta dei judokas. Infine, Maruyama ha descritto i judokas come indossanti il loro caratteristico judogi, sebbene nella versione a maniche corte e gambe corte utilizzata all’epoca, mentre i jujutsukas indossavano una combinazione di haori e hakama, solo accorciata sopra le ginocchia per consentire movimenti liberi.

Secondo i ricordi di Kano, un torneo di polizia precedente che non può essere identificato con la più famosa vittoria del Kodokan ebbe luogo nel 1886. Al Kodokan fu chiesto di inviare rappresentanti a un evento di kenjutsu e jujutsu ospitato dalla Polizia Metropolitana. Sebbene né Shiro Saigo né Tsunejiro Tomita potessero partecipare all’evento, Kano poté inviare Yoshitsugu Yamashita, Sakujiro Yokoyama, Takisaburo Tobari e Noritaka Sato, tra gli altri. Kano nota che la competizione era abbastanza dura, poiché sebbene i judokas fossero in grado di eseguire le loro tecniche di tachi-waza o lancio, molti di loro erano in difficoltà contro l’esperienza di ne-waza o combattimento a terra della Totsuka Yoshin-ryū. Questa occorrenza fa finire il racconto in una nota bassa ed è menzionata come una ragione per cui il Kodokan ha rafforzato il proprio allenamento di ne-waza.

Il principale scontro tra le scuole Kodokan e Totsuka avverrà tramite la mediazione di Michitsune Mishima, prefetto del Dipartimento di Polizia Metropolitana di Tokyo dal 1885 al 1888. Nota per il suo approccio politico per “abolire il vecchio e portare il nuovo”, Mishima era interessato a rinnovare i metodi e gli insegnanti di corpo a corpo della polizia, fino ad allora monopolizzati dalla Totsuka Yoshin-ryū e da altre minori fazioni di jujutsu koryu. Sentendo parlare della crescente fama del Kodokan, Mishima voleva che testassero l’efficacia della loro arte contro il jujutsu tradizionale. Per farlo, al Kodokan fu chiesto di inviare judokas a uno o più tornei di arti marziali del Dipartimento di Polizia Metropolitana (Keishicho Bujutsu Taikai). Si riconosce che la vittoria in questi tornei è stata il fattore che ha trasformato il judo da una scuola oscura all’arte marziale di punta del Giappone.

La sfida più menzionata tra judo e jujutsu è il Torneo di Arti Marziali del Santuario Yayoi (Yayoijinja Bujutsu Taikai), che avrebbe avuto luogo nel Santuario Yayoi a Shiba Park di fronte a Mishima stesso. Gli account di Kano e Tsuneo Tomita danno la data come 1888, poco prima della morte di Mishima, una data indirettamente supportata da Yokoyama e considerata più probabile da Maruyama. Nel frattempo, Yamashita e Itsuro Munakata (come intervistati da Maruyama) ricordano l’anno come 1886, lo stesso delle altre sfide.

I principali partecipanti al fianco del Kodokan sarebbero stati Shiro Saigo, Yamashita Yoshitsugu, Tomita Tsunejiro, Yokoyama Sakujiro, in seguito noti come “Kodokan Shitenno” o “I Quattro Guardiani del Kodokan”.  I Quattro Guardiani erano i campioni che difendevano l’onore del Kodokan nelle sfide più importanti e difficili. Insieme a loro, sarebbe stato Hoken Sato (in seguito noto come Hoken Iwasaki), Itsuro Munakata, Takejiro Yuasa, Bunzo Matsuda, Matsujiro Honda, Katsutaro Oda, Keijiro Kawai, Katsukazu Otsubo, Shizuya Iwanami e altri membri. La scuola Totsuka sarebbe stata rappresentata dai propri “Shitenno” o “Quattro Guardiani” di Totsuka, Taro Terushima, Entaro Kochi, Teisuke Nishimura e Shintaro Katayama, insieme ad altri combattenti. Gli arbitri erano Tetsutaro Hisatomi e Yuhachiro Suzuki della Sekiguchi-ryū.

Secondo la maggior parte delle fonti, l’atmosfera dell’evento era accesa. La squadra del Kodokan fu accolta con insulti dalla squadra opposta, in particolare “shosai”, che faceva riferimento non solo all’età relativamente breve del Kodokan rispetto alle scuole tradizionali di jujutsu, ma anche al background universitario di molti dei judokas rispetto all’educazione marziale della maggior parte dei jujutsukas. Munakata ha dichiarato che i judokas eseguirono un rispettoso inchino completo in ginocchio o za rei, destinato a rivolgersi a un superiore, mentre i jujutsukas aderirono all’inchino a una mano e un ginocchio degli stili antichi, destinato a rivolgersi in termini uguali.

Il primo incontro sarebbe stato tra Yoshiaki Yamashita del Kodokan contro Taro Terushima della Totsuka Yoshin. Si diceva che fossero della stessa taglia, con Terushima leggermente più vecchio. Terushima iniziò tentando un ouchi gari, ma Yamashita lo bloccò e rispose segnando facilmente un hiza guruma. Terushima optò per rimanere a terra, dove si giudicava più abile. Yamashita lo impegnò comunque e lottarono fino a quando l’arbitro chiamò per porre fine alla partita come pareggio.

Il terzo incontro fu tra Shiro Saigo del Kodokan e Entaro Kochi della Totsuka. Kochi era apparentemente molto più pesante di Saigo, al punto che venivano descritti come se sembrassero un bambino e un adulto, ma l’abilità rinomata di Saigo rese il combattimento un affare avanti e indietro. Kochi trascinò Saigo in giro e cercò di lanciarlo con harai goshi e uchi mata, ma il judoka si difese scivolando fuori dai lanci e atterrando sulle ginocchia e le braccia quando veniva lanciato. Saigo poi cercò di tornare indietro con tomoe nage, solo per Kochi per bloccarlo con la sua maggiore forza. Dopo che passarono molti minuti, tuttavia, Kochi iniziò a mostrare segni di stanchezza e Saigo riuscì a usare il suo slancio contro di lui per lanciarlo con yama arashi. Sebbene stanco e colpito alla testa, Kochi si alzò e cercò invano di lanciare l’agile Saigo, che a sua volta segnò un altro yama arashi in un tentativo fallito di ouchi gari. Questa volta, Kochi fu lanciato in un angolo sbagliato e la sua spalla fu ferita, il che lo spinse ad arrendersi.

Hokken Sato del Kodokan ha combattuto contro Teisuke Nishimura della Totsuka, apparentemente vincendo il match.

Katsutaro Oda del Kodokan è descritto come aver combattuto per un hikiwake, o pareggio, contro un avversario non identificato.

Itsuro Munakata ha combattuto contro un altro avversario non identificato. Secondo entrambi Yamashita e lui stesso, fu trasportato dal successo dei suoi partner e attaccò con leggerezza, il che permise al suo avversario di gettarlo giù. Poiché questo era effettivamente un upset, entrambi gli autori si concentrano su di esso e saltano il risultato ufficiale del match, ma Tsuneo Tomita aggiunge che il match continuò dopo il lancio, con Munakata che alla fine tornò indietro e bloccò un juji-jime dal basso per la vittoria.

In totale, il Kodokan ha vinto la stragrande maggioranza dei combattimenti, con solo alcuni pareggi e possibilmente un paio di sconfitte. Il numero esatto di incontri è sconosciuto; sebbene il gran numero di nomi citati supporti la stima tradizionale di 15, non stabilisce una differenza tra combattenti e cornermen, né tra incontri di torneo e possibili incontri speciali inter-scuola. Il Kodokan, si confermò come la scuola più forte di judo. La rivalità fra Yamashita e Terushima divenne leggendaria nella storia del judo.

Yamashita continuò a partecipare alle competizioni del Kodokan fino al 1891, quando si ritirò dalle scene agonistiche per dedicarsi all’insegnamento. Durante la sua carriera da combattente, non perse mai un incontro ufficiale e vinse più di 200 incontri consecutivi. Fu considerato il più forte judoka della sua epoca.

L'insegnante del judo

Yamashita Yoshitsugu iniziò la sua carriera come istruttore di judo nel 1890, quando fu nominato supervisore del Kodokan. Decise quindi di dedicare gran parte della sua vita all’insegnamento del judo come disciplina educativa e sportiva. Insegnò presso il Kodokan e presso varie istituzioni prestigiose, contribuendo alla diffusione e allo sviluppo del judo come disciplina educativa e sportiva. Yamashita era un istruttore competente e appassionato, che trasmetteva ai suoi allievi non solo le tecniche, ma anche i principi e i valori del judo. Era in grado di adattare il suo metodo di insegnamento alle diverse esigenze e caratteristiche dei suoi discenti, usando esempi pratici, dimostrazioni, consigli e aneddoti. Era anche un maestro severo e rigoroso, che esigeva dai suoi allievi il massimo impegno e rispetto.

Nel 1891 fu nominato istruttore di judo presso l’Accademia Navale Imperiale Giapponese di Etajima, una prestigiosa scuola militare che formava ufficiali della marina imperiale giapponese. Fu il primo istruttore di judo dell’Accademia e introdusse il judo come parte del curriculum obbligatorio per i cadetti. Ebbe un grande successo nell’insegnare il judo ai cadetti, che apprezzarono la sua competenza, la sua severità e il suo carisma. Ebbe tra i suoi studenti alcuni futuri eroi di guerra e alcuni dei più famosi futuri ammiragli giapponesi. Yamashita contribuì a rendere il judo una disciplina obbligatoria per la formazione dei marinai, sottolineando i suoi benefici fisici e mentali.

Nel 1888 iniziò a insegnare judo part-time all’Università Imperiale di Tokyo e poi fu nominato istruttore di judo nel 1893. Insegnò il judo agli studenti dell’università, tra cui alcuni futuri leader politici, economici e culturali del Giappone. Contribuì a rendere il judo una disciplina accademica e scientifica, promuovendo la sua ricerca e la sua documentazione.

Nel 1889 divenne collaboratore della polizia municipale di Tokyo e fu nominato istruttore di judo nel 1895. Insegnò il judo ai poliziotti di Tokyo occupandosi di formarli alle tecniche di difesa personale e di arresto. Contribuì a rendere il judo una disciplina pratica e professionale, adattando le sue tecniche alle situazioni reali di arresto e di difesa.

Nel 1896 divenne istruttore part-time presso l’Università di Keio, la più antica università privata del Giappone.

Nel 1898 aprì un dojo privato a Tokyo, dove insegnò judo a numerosi allievi provenienti da vari ambienti sociali. Tra i suoi allievi ci furono anche alcuni stranieri, come l’ambasciatore americano Lloyd Griscom e il diplomatico britannico Ernest Satow. Yamashita si guadagnò la fama e il rispetto come maestro di judo e come ambasciatore della cultura giapponese.

Yamashita Yoshitsugu è spesso considerato il creatore della tecnica di judo hane goshi, una proiezione che consiste nel sollevare l’avversario con una gamba e farlo cadere di schiena. Tuttavia, alcuni attribuiscono la creazione di questa tecnica a Hajime Isogai, un altro famoso judoka dell’epoca.

Il pioniere del judo negli Stati Uniti

Nel 1902, Samuel Hill, un dirigente ferroviario di Seattle, decise che suo figlio James Nathan avrebbe dovuto imparare il judo. Hill aveva sentito parlare di questa arte marziale durante un viaggio d’affari in Giappone e voleva che suo figlio imparasse gli ideali della classe dei Samurai. Hill chiese consiglio a un suo socio in affari giapponese americano, Masajiro Furuya, che lo indirizzò a Kazuyoshi Shibata, uno studente dell’Università di Yale. Shibata parlò a Hill di Yamashita Yoshitsugu, un maestro di judo giapponese. Hill scrisse quindi una lettera a Yamashita, invitandolo a venire a Seattle a sue spese. Yamashita rispose alla lettera il 26 agosto 1903, scrivendo che lui, sua moglie Fude e uno dei suoi studenti (Saburo Kawaguchi) sarebbero partiti per Seattle il 22 settembre 1903.

La nave che trasportava la comitiva di Yamashita attraccò a Seattle l’8 ottobre 1903. Una settimana dopo, il 17 ottobre 1903, Yamashita e Kawaguchi diedero una dimostrazione di judo in un teatro della città, affittato da Hill per l’occasione. Tra gli ospiti c’erano personalità importanti come la suocera di Sam Hill, Mary Hill, il senatore Russell Alger e vari giornalisti sportivi.

Yamashita impressionò gli americani con la sua abilità e la sua potenza nel judo, ma anche con la sua cortesia e la sua simpatia. Spiegò loro che il judo non era solo una forma di combattimento, ma anche una via per lo sviluppo personale e sociale. Disse loro che il judo si basava sul principio della massima efficienza con il minimo sforzo, che consisteva nell’usare la tecnica anziché la potenza per sfruttare la forza dell’avversario a proprio vantaggio. Disse loro anche che il judo si proponeva come una disciplina educativa e sportiva, che mirava allo sviluppo fisico, mentale e morale dei praticanti.

Yamashita si trasferì a Washington nel settembre del 1904. Quando seppe dell’arrivo di Yamashita a Washington, il presidente Theodore Roosevelt (1858-1919), lo invitò alla Casa Bianca. Roosevelt era un appassionato di arti marziali e di sport in generale, che praticava regolarmente il pugilato, il wrestling e il jujutsu. Aveva sentito parlare di Yamashita da Hill e da altri amici comuni, e aveva espresso il suo interesse per il judo. Yamashita accettò l’invito e si recò alla Casa Bianca nel marzo 1904. Qui ebbe l’onore di dare una lezione privata di judo al presidente Roosevelt.

Roosevelt apprezzò molto il judo e lo considerò una forma superiore di lotta rispetto al pugilato e al wrestling. Yamashita continuò a insegnare a Roosevelt per diversi mesi, fino al suo ritorno in Giappone. Durante questo periodo, instaurò un rapporto di stima e di amicizia con il presidente, che lo apprezzava come maestro e come persona.

Nel gennaio 1905, Yamashita ottenne un lavoro come insegnante di judo presso l’Accademia Navale degli Stati Uniti. La sua classe era composta da circa 25 studenti, tra cui un futuro ammiraglio, Robert L. Ghormley. Yamashita ha insegnato judo ai futuri ufficiali della marina americana fino alla fine del semestre scolastico, ma non fu riassunto per l’anno successivo.

Yamashita Yoshitsugu e sua moglie Fude Yamashita
Yamashita Yoshitsugu e sua moglie Fude Yamashita

Yamashita Yoshitsugu e sua moglie Fude diedero lezioni di judo anche a donne americane prominenti, tra cui Martha Blow Wadsworth (sorella della pioniera del Kindergarten Susan Blow), Hallie Elkins (moglie del senatore Stephen Benton Elkins) e Grace Davis Lee (sorella di Hallie Elkins). Yamashita contribuì così a diffondere la disciplina anche tra le donne americane.

Yamashita Yoshitsugu è stato un pioniere del judo negli Stati Uniti e ha contribuito a diffondere e popolarizzare questa arte marziale nel paese. Ha insegnato judo a molte persone, tra cui politici, militari, poliziotti, studenti, giornalisti e semplici cittadini. Il suo insegnamento ha avuto un grande impatto sulla storia e sullo sviluppo del judo in America. Yamashita ha anche contribuito a migliorare le relazioni tra il Giappone e gli Stati Uniti, mostrando al popolo americano un aspetto positivo e affascinante della cultura giapponese. Ha creato una rete di allievi, amici e sostenitori del judo negli Stati Uniti, che avrebbero continuato a praticare e divulgare il judo.

La morte e l'eredità

Yamashita Yoshitsugu tornò in Giappone alla fine dell’anno accademico 1906, dopo quattro anni di permanenza negli Stati Uniti. Dopo il suo ritorno, riprese le sue attività di insegnamento e promozione del judo in varie istituzioni, tra cui la Scuola Superiore di Formazione degli Insegnanti di Tokyo e il Dipartimento di Polizia Metropolitana di Tokyo.

Nel 1913, Yamashita fondò il Dai Nippon Shido-Kai, un’organizzazione che unificava i dojo locali di Tokyo sotto la sua guida. Yamashita fu il primo presidente del Dai Nippon Shido-Kai e ne rimase alla guida fino alla sua morte.

Keishicho Judo Kihon Torite no Katachi
La copertina del libro Keishicho Judo Kihon Torite no Katachi

Yamashita Yoshitsugu, con l’approvazione del maestro Jigoro Kano, guidò anche uno studio sul Torite No Kata che fu creato nel 1924 insieme a un gruppo di esperti del judo Kodokan appartenenti alla forza di polizia metropolitana. L’obiettivo di questo kata era quello di addestrare nella difesa personale e inizialmente fu sviluppato per la polizia giapponese. Oggi, tuttavia, è caduto in disuso. Tutti i movimenti conservano il sapore più tradizionale del judo e del koryu jujutsu. Sono presenti antiche tecniche di judo come atemi waza-kyusho, kote kansetsu, yubi kansetsu e altre. Yamashita Yoshitsugu ha avuto un ruolo importante nella creazione di questo kata e il suo contributo ha aiutato a stabilire le tecniche descritte nel libro “Keishicho Judo Kihon Torite no Katachi”, che può essere tradotto come “Le forme fondamentali delle tecniche di controllo delle mani del Dipartimento di Polizia Metropolitana di Tokyo”. Questo libro, sviluppato dal Dipartimento di Polizia Metropolitana di Tokyo, Divisione Pianificazione, è stato scritto da Keishicho Keimubu Kikakuka, con KimiMizuya come curatore e vede Yamashita come autore della prefazione.

Il seguente video mostra solo 15 delle 24 tecniche del Torite No Kata, adattate per l’esposizione finale alla Fiera Internazionale di Arte e Cultura Orientale di Valencia, Spagna.


Di seguito due rarissimi filmati che vedono Jigoro Kano e Yamashita Yoshitsugu eseguire il Koshiki No Kata durante una dimostrazione fatta al Palazzo Imperiale di Tokyo nel 1929. Il Koshiki No Kata è un kata di judo che rappresenta le tecniche di combattimento dei samurai in armatura, originariamente sviluppato dalla scuola di jujutsu Kito-ryu e successivamente adottato dal Kodokan judo. Questo video offre uno sguardo unico sulla maestria e l’abilità di due grandi maestri del judo. I due filmati si riferiscono entrambi al Koshiki No Kata e sono stati ripresi sia a velocità normale (il primo) che al rallentatore (il secondo).

Questo altro video mostra un filmato raro sul Ju No Kata eseguito da Jigoro Kano e Yamashita Yoshitsugu. Il Ju No Kata è un kata di judo che rappresenta la flessibilità e l’adattabilità del judo.

I due video seguenti mostrano il Koshiki No Kata e il Nage No Kata.
Nell’esecuzione del Koshiki No Kata appare abbastanza chiaro che tori è il Yamashita Yoshitsugu mentre uke dovrebbe essere Nagaoka Hidekazu.


Mentre per il Nage No Kata tori dovrebbe essere sempre Yamashita mentre crediamo di riconoscere Isogai Hajime come uke ma non ne siamo certi.

Nel novembre 1934, Yamashita ha partecipato alla celebrazione del 50° anniversario della fondazione del Kodokan, che si è tenuta al dojo del Kodokan. Yamashita è stato uno dei protagonisti dell’evento, che ha riunito i maestri, gli allievi e gli amici del judo da tutto il Giappone e dal mondo. Fu probabilmente questa l’ultima apparizione pubblica importante di Yamashita. Yamashita ha ricevuto l’applauso e il rispetto di tutti i presenti, che lo hanno riconosciuto come uno dei più grandi maestri e divulgatori del judo nella storia. Yamashita ha anche ricevuto una lettera di congratulazioni dal presidente Roosevelt, che lo ha ringraziato per avergli insegnato il judo e per aver contribuito alla pace e all’amicizia tra il Giappone e gli Stati Uniti. La judoka Sarah Mayer ha descritto la partecipazione di Yamashita come segue:

Uno dei Principi Imperiali era presente e l’Imperatore inviò un regalo in denaro. Fu letta una lettera dal Primo Ministro e il Ministro dell’Istruzione pronunciò un lungo discorso. Tutti i famosi judoka erano presenti e ci fu una scena piuttosto toccante quando il Signor Yamashita, l’allievo più anziano, si è fatto avanti. Ha perso la voce con l’avanzare degli anni e un altro uomo ha dovuto leggere il suo discorso per lui, ma mentre stava di fronte al Prof. Kano non ho potuto fare a meno di pensare ai lunghi anni in cui questi due uomini, ora così anziani, avevano lottato per rendere popolare il judo, e che giorno meraviglioso deve essere per loro essere vissuti abbastanza per vedere un risultato così straordinario. Uomini famosi hanno dimostrato bellissimi Kata quando i discorsi sono finiti e il Prof. Kano aveva dedicato tre alberi ai suoi tra insegnanti, e il momento di divertimento è stato fornito da un incontro tra me e [Kaichiro] Samura, che ha gentilmente accettato di perdere”.

Dopo una vita di insegnamento, Yamashita Yoshitsugu morì il 26 ottobre 1935 all’età di 70 anni.

La morte di Yamashita Yoshitsugu fu un grande lutto per il mondo del judo e per il Giappone, che perse uno dei suoi più grandi maestri e ambasciatori. Yamashita fu commemorato dal Kodokan con una cerimonia funebre. Jigoro Kano gli conferì postumo il grado di 10° dan (judan) a partire dal 24 ottobre 1935. Fu la prima volta che il Kodokan assegnava questo grado a qualcuno, e lo fece in riconoscimento dei meriti eccezionali di Yamashita come combattente, insegnante e pioniere del judo. Yamashita divenne così il primo detentore del grado di 10° dan, che simboleggiava la sua maestria assoluta e il suo spirito supremo nel judo.

Yamashita Yoshitsugu è stato non solo uno dei leader più influenti e rispettati del movimento judoistico giapponese, ma anche una figura leggendaria nella storia del judo e dello sport. Collaboratore e amico di Jigoro Kano, il fondatore del judo, ha contribuito allo sviluppo e all’innovazione di questa arte marziale, sostenendo la sua diffusione tra le donne e i bambini. Il primo decimo dan del Kodokan, ha portato il judo in tutto il mondo e il suo nome è ancora oggi ricordato con ammirazione e gratitudine da tutti i praticanti e gli appassionati di judo. La sua eredità continua a vivere attraverso le generazioni di judoka che seguono i suoi insegnamenti e si ispirano alla sua dedizione e al suo spirito indomito.

 

Passaggi di Grado

14 Agosto 1884 - Ingresso Kodokan

Novembre 1884 - 1° Dan

Giugno 1885 - 2° Dan

Settembre 1885 - 3° Dan

Maggio 1886 - 4° Dan

15 Gennaio 1893 - 5° Dan

Gennaio 1898 - 6° Dan

23 Ottobre 1904 - 7° Dan

17 Marzo 1920 - 8° Dan

1 Aprile 1930 - 9° Dan

24 Ottobre 1935 - 10°Dan

error: Content is protected !!